Tariffa per la casa D2

Tariffa per le forniture di energia elettrica in bassa tensione per usi domestici nelle abitazioni di residenza con potenza impegnata fino a 3 kW .

Le Tariffe sono aggiornate al 1° Aprile 2014 e restano in vigore sino al 30 Giugno 2014 (Delibere n. 607/2013/R/eel e n. 637/2013/R/eel e n. 133/2014/R/com e Delibera n. 136/2014/R/eel).

(a) Servizi di vendita¹ 

 
Quota fissa Commercializzazione vendita€/cliente/mese 2,500000
Componente di dispacciamento (parte fissa)€/cliente/mese-1,048500
Quota energia 
Prezzo Energia €/kWh  0,071240
Prezzo Dispacciamento €/kWh  0,014360
Componente di dispacciamento (parte variabile):  
1° scaglione: consumi fino a 1800 kWh €/kWh 0,000480
2° scaglione: consumi da 1801 kWh fino a 2640 kWh €/kWh 0,004190 
3° scaglione: consumi da 2641 kWh fino a 4440 kWh €/kWh 0,008180
4° scaglione: consumi oltre 4440 kWh €/kWh 0,012460
Componente di perequazione (PPE) €/kWh -0,000070

(b) Servizi di rete² 

 
Quota fissa€/cliente/mese0,510000
Quota potenza€/kW di potenza impegnata/mese0,496400
Quota variabile1° scaglione: consumi fino a 1800 kWh€/kWh0,042402
2° scaglione: consumi da 1801 kWh fino a 2640 kWh€/kWh0,096302
3° scaglione: consumi da 2641 kWh fino a 4440 kWh€/kWh0,158912
4° scaglione: consumi oltre 4440 kWh€/kWh0,201582

Alla tariffa (componenti a + b) vanno aggiunte le imposte

Clicca sul seguente link  per visualizzare la tabella relativa alle Componenti A, UC e MCT espresse in valori annuali

Descrizioni: 

1)SERVIZI DI VENDITA: sono le diverse attività poste in essere dal fornitore per acquistare e rivendere l’energia elettrica al cliente finale; tra i corrispettivi fatturati al cliente per tali servizi rientrano anche eventuali oneri di perequazione aggiuntivi. Nella bolletta gli importi da pagare per questi servizi vengono suddivisi in Quota fissa e Quota energia.

Quota fissa: comprende tutti gli importi da pagare in misura fissa, cioè indipendentemente dai consumi. Nella bolletta la Quota fissa comprende:

    • Commercializzazione vendita: copre i costi fissi di gestione commerciale dei clienti; è denominata PCV (“prezzo commercializzazione vendita”) ed è fissata dall’Autorità per l’energia sulla base dei costi sostenuti mediamente da un operatore del mercato libero.
    • Componente di Dispacciamento (parte fissa): questa componente, tecnicamente denominata DISPbt si applica sia ai clienti che hanno diritto al Servizio di Maggior Tutela, ovvero i clienti domestici e le PMI anche qualora siano passati al mercato libero. La parte fissa, viene accreditata al cliente indipendentemente dai suoi consumi (compare con il segno - ).

Quota energia: comprende i costi di acquisto dell’energia e dispacciamento sostenuti dal fornitore. Nella bolletta la Quota energia comprende:

    • Energia: copre i costi sostenuti per acquistare l’energia elettrica; la voce viene tecnicamente denominata PE ("prezzo energia") e viene fissata e aggiornata ogni tre mesi dall’Autorità per l’Energia.
    • Dispacciamento: copre i costi del servizio di dispacciamento, cioè il servizio che garantisce in ogni istante l’equilibrio tra la domanda e l’offerta di energia elettrica; la voce viene tecnicamente denominata PD ("prezzo dispacciamento") e viene fissata e aggiornata ogni tre mesi dall’Autorità per l’energia.
    • Componente di Dispacciamento (parte variabile): questa componente, tecnicamente denominata DISPbt si applica sia ai clienti che hanno diritto al Servizio di Maggior Tutela, ovvero i clienti domestici e le PMI anche qualora siano passati al mercato libero. La parte variabile, viene viene addebitata al cliente in proporzione al consumo annuo (parte variabile solo per i clienti residenti con potenza fino a 3 kW).
    • Componente di Perequazione: questa componente, garantisce l’equilibrio tra i costi effettivi di acquisto e dispacciamento dell’energia elettrica destinata al servizio di maggior tutela e quanto pagato dai clienti di quel servizio a partire dal 1° gennaio 2008. Non si applica ai clienti con contratti del mercato libero.

2)SERVIZI DI RETE: sono le attività che consentono ai fornitori (sia che operino sul mercato libero sia che forniscano il Servizio di Maggior Tutela) di trasportare l’energia elettrica sulle reti di trasmissione nazionali e di distribuzione locali fino al contatore, per consegnarla ai clienti. Nella bolletta, gli importi pagati per tali attività sono suddivisi in Quota fissa, Quota variabile e Quota potenza e vanno a coprire i costi per i servizi di Trasporto, Distribuzione e Misura, nonché gli Oneri generali.

Quota fissa: comprende tutti gli importi da pagare in misura fissa, cioè indipendentemente dai consumi, relativamente ai servizi di rete.
Quota potenza: è l’importo da pagare in proporzione alla potenza impegnata. Ad esempio se il cliente ha 3 kW di potenza impegnata ed il prezzo unitario è di 0,4278 €/kW/mese, allora pagherà ogni mese 3x0,4278=1,28 €.
Quota variabile: comprende tutti gli importi da pagare in relazione alla quantità di energia elettrica trasportata sulla rete per soddisfare la richiesta di energia del cliente.

 

CO2 Neutral