Enel e università di Firenze per la geotermia 3.0

Published on Tuesday, 12 July 2016

Lo sviluppo delle geotermia della Toscana passa anche dall'università. Da sempre il distretto dell'energia della Terra che si estende tra le province di Grosseto, Pisa e Siena richiama studiosi e ricercatori da tutto il mondo, ma Larderello e gli altri siti della geotermia EGP hanno un legame particolare con le istituzioni accademiche della Regione.

A Firenze, la sede di Santa Marta della Facoltà di Ingegneria del capoluogo toscano ha ospitato in giugno il seminario "La geotermia: impiantistica e aspetti ambientali", organizzato in collaborazione con Enel Green Power, rivolto a studenti e dottorandi del Dipartimento di ingegneria industriale.

Le geotermia 3.0 del distretto toscano è un volano di sviluppo a 360° per la regione. E anche l'evento promosso dall'università fiorentina con EGP ha voluto mettere al centro i tanti risvolti e benefici che nascono dalla secolare tradizione di utilizzo dei vapori della terra: dalla produzione di elettricità all'utilizzo del calore, dalla ricerca scientifica all'occupazione fino al turismo e alla filiera agricola.

Docenti dell'ateneo fiorentino ed esperti di EGP hanno presentato le tecnologie impiantistiche e le migliori tecniche ingegneristiche per la coltivazione dei campi geotermici finalizzata alla produzione di energia elettrica e all'utilizzo del calore.

In Toscana, considerata la culla della geotermia mondiale, il settore sta vivendo con Enel Green Power un costante processo di innovazione che trova numerosi esempi nell'area cosiddetta tradizionale e di recente avevano già portato oltre 50 studenti del dipartimento di Ingegneria industriale dell'Università di Firenze a visitare i siti di Larderello e Bagnore sull'Amiata, tra i Comuni di Santa Fiora e Arcidosso.

L'integrazione con altre fonti rinnovabili, la sostenibilità ambientale, la capacità di creare occupazione e promuovere una rete di imprese locali specializzate sono alcuni dei fattori che rendono la geotermia di EGP in Toscana un caso di studio sia per gli aspetti più strettamente tecnologici e industriali sia per quelli collegati al modello di business.