Se il traffico si trasforma in energia rinnovabile grazie a ponti eolici e barriere antirumore solari

Pubblicato il mercoledì, 2 settembre 2015

Pannelli solari che servono da barriere anti rumore. L’idea, tanto innovativa quanto semplice, è diventata realtà in Olanda, lungo l’autostrada A2 nei pressi della città di Den Bosch. A realizzare il progetto pilota avviato quest’estate con due “barriere solari” è stato il consorzio SONOB, costituito da Università della Tecnologia di Eindhoven, Centro di ricerca sull’energia dei Paesi Bassi, Solar Energy Application Center, Van Campen Industries. L’alleanza tra accademia e industria ha permesso di dare forma all’intuizione di Michael Debije, ricercatore dell’ateneo olandese, che per primo aveva sviluppato il progetto pubblicando anche un articolo a riguardo sulla rivista Nature nel marzo 2015. 

L’integrazione delle rinnovabili nelle infrastrutture viarie è una strada che diversi Paesi europei hanno cominciato a percorrere sviluppando negli anni progetti che evolvono sempre di più dal punto di vista tecnologico e ambientale: antesignani delle SONOB olandesi esistono già in Italia, ad esempio sull’Autostrada del Brennero, e in Francia. 

L’utilizzo innovativo di tecnologie eoliche e solari in autostrade e viadotti conta già molteplici progetti. Negli Usa, ad esempio, è dal 2006 che si succedono concorsi tra università o studi di architettura per realizzare pale eoliche da integrare nelle highway che attraversano gli States posizionandole sopra i guardrail che dividono le corsie o addirittura inserendole nelle barriere jersey poste tra i due sensi di marcia. In Spagna è stato immaginato persino un “ponte eolico” costituito da due grandi aereogeneratori posti nelle arcate del viadotto Juncal nell’isola di Gran Canaria: studi e simulazioni hanno dimostrato che il vento che soffia tra i quattro piloni di questa infrastruttura può essere sfruttato da opportune turbine eoliche per produrre una quantità di energia pari al fabbisogno annuo di 450-500 abitazioni spagnole. Altro esempio, già diventato realtà seppur in forma sperimentale, è la Solar road inaugurata nel 2014 tra Krommenie e Wormerveer, due sobborghi di Amsterdam, in Olanda: per ora sono solo 70 metri di pista ciclabile pavimentata con pannelli solari che nei primi sei mesi di vita ha prodotto già 3000 KWh di energia pari al fabbisogno di una piccola abitazione per un anno.