Il “cantiere” di Futur-e all’opera in tutta Italia

Pubblicato il mercoledì, 1 giugno 2016

In giugno un calendario fitto di appuntamenti. Tavoli tecnici, visite agli impianti, incontri con imprese, associazioni e amministrazioni locali per proseguire il percorso di dialogo con i territori per la riqualificazione dei 21 impianti

Un fitto calendario di appuntamenti in tutta Italia per continuare il dialogo con il territorio e ideare insieme alle comunità locali il nuovo futuro dei 21 impianti termoelettrici Enel non più produttivi. Per tutto il mese di giugno il progetto Futur-E prevede tavoli tecnici, visite agli impianti, workshop, incontri con le imprese, le associazioni e le amministrazioni pubbliche locali . 

Il dialogo e l’ascolto sin dall’inizio hanno caratterizzato l’intero progetto che è entrato nel vivo prima con il concorso internazionale di idee dedicato all’impianto di Alessandria poi con le procedure di riqualificazione e acquisto e la messa in vendita di altri siti. 

Tra maggio e giugno sono stati stati numerosi gli eventi realizzati in molte  città tra cui BariLa SpeziaRossanoMontalto di Castro e Porto Tolle. Nei diversi appuntamenti Enel ha incontrato gruppi imprenditoriali, federazioni di categoria, esponenti di Comuni e Regioni, rappresentanti di università o stakeholder territoriali dando seguito al dialogo costante che caratterizza da sempre Futur-E. 

Il calendario degli appuntamenti di giugno ha già visto l’incontro promosso dall’Associazione degli industriali di Venezia e Rovigo per presentare a imprenditori e investitori la procedura in corso per la cessione e riqualificazione del sito di Porto Tolle (venerdì 10 giugno) e prevede un Open Day aperta a imprese e investitori del territorio promossa in collaborazione con Confindustria Ravenna (mercoledì 29 giugno). 

Anche università e alte scuole di formazione sono protagoniste degli eventi legati a Futur-E in questo periodo di inizio di estate. Il coinvolgimento degli atenei italiani racconta un altro aspetto sempre più rilevante del progetto al punto di farlo diventare case study anche a livello internazionale. 

La modalità innovativa e partecipata con la quale Futur-E ricerca nuove destinazioni d'uso per il patrimonio industriale da riqualificare sarà infatti al centro di incontri con studenti, laureati e docenti di diverse strutture universitarie italiane di eccellenza come l'Alta Scuola Politecnica. 

Futur-E è inoltre sempre più aperto allo scenario internazionale: il 21 giugno a Milano nel corso del Power-Gen Europe 2016 & Renewable Energy World Enrico Viale, responsabile Global Thermal Generation di Enel, presenterà il progetto a imprese di settore e stakeholder internazionali nel corso della Opening Keynote Session dedicata al tema “Delivering an Integrated Energy Future”. 

A seguire, il 30 Giugno a Londra prenderà avvio il primo di una serie di roadshow volti alla promozione della visibilità internazionale del Progetto nei paesi che hanno rapporti economici maggiormente consolidati con l’Italia. 

L’appuntamento di Londra, in particolare, si rivolgerà alla comunità economico-finanziaria ed industriale della più importante Piazza finanziaria del Vecchio Continente e porrà l’accento sulle opportunità di riqualificazione di tutti i siti coinvolti nel Progetto Futur-E.

L’evento è organizzato con la condivisione e la forte approvazione delMAE circa lo spirito, le modalità e gli obiettivi del Progetto.