Falsi rimborsi: attenzione alle e-mail truffa

A causa di numerose segnalazioni di mail dal contenuto ingannevole, nelle ultime 24 ore sono state bloccate dai nostri sistemi Enel 2.500 email truffa. Queste mail vengono inviate da un indirizzo solo in apparenza riferito ad una società del Gruppo Enel.

Destinatari di queste comunicazioni, al momento, sono solo i clienti dipendenti del Gruppo Enel. Per evitare che il fenomeno possa espandersi, Enel fornisce di seguito le indicazioni utili per riconoscere il tentativo di raggiro.

I messaggi di posta elettronica fingono di essere delle comunicazioni su un falso rimborso a favore dei clienti da parte di Enel Energia. Lo scopo del raggiro è quello di sottrarre in modo illecito dati personali e dati relativi a carte di credito e debito sui diversi circuiti internazionali. Cliccando nella mail sulla frase ACCEDI AL SERVIZIO si viene reindirizzati ad un sito di phishing creato appositamente.

Di seguito un esempio di email truffa, con oggetto “Conferma il tuo ultimo Enel di rimborso della fattura XXXX”.

Né il Gruppo Enel, né società incaricate hanno inviato mail che informano il cliente di un credito da riscuotere per la sua fornitura e che invitano a collegarsi al link presente nella mail. Le procedure aziendali non prevedono in alcun caso la richiesta di fornire o verificare dati bancari e/o codici personali attraverso link esterni.

Enel ha già informato le Autorità competenti e richiesto la chiusura dei siti malevoli. L’Azienda invita chiunque riceva una e-mail sospetta a:

  • non cliccare i link presenti all’interno dei testi;
  • non scaricare e aprire allegati;
  • attivare immediatamente i filtri anti spam per proteggere il vostro account.

Enel ringrazia in anticipo coloro che segnaleranno all’azienda mail sospette ricevute, in modo da arginare e prevenire il fenomeno delle truffe sulla rete.