Efficienza energetica? Si può fare di più

Pubblicato il mercoledì, 16 aprile 2014

Nel corso di pochi anni il mercato dell'efficienza ha scalato posizioni importanti nello scenario energetico mondiale, fino a diventare la principale opzione disponibile per conseguire contemporaneamente gli obiettivi di sicurezza energetica, risparmio economico e sostenibilità ambientale. Le analisi effettuate dall'Agenzia internazionale dell'energia (Iea) rilevano che il mercato globale dell'efficienza già da qualche anno supera i 300 miliardi di dollari: un ordine di grandezza comparabile con quello dei combustibili fossili o delle fonti rinnovabili.

Tuttavia, si può fare molto di più. Sempre l'Iea stima che utilizzando solo misure cost effective, cioè in grado di remunerarsi in tempi ragionevoli senza necessità di particolari incentivi, nel giro di sei – sette anni sarebbe possibile risparmiare circa il 7% della domanda mondiale di energia.

Il discorso è di particolare interesse per l'Italia, il cui fabbisogno energetico dipende per l'80% dalle importazioni. Misure adeguate di efficienza consentirebbero di ridurre in modo sostanziale la bolletta energetica nazionale e avrebbero benefici concreti e rapidi sulla crescita economica e dell'occupazione.

Smart Grids, mobilità elettrica, illuminazione intelligente, teleriscaldamento e riqualificazione energetica degli edifici sono solo alcune delle vie percorribili per accrescere l'efficienza energetica del sistema Italia. Tutti settori che vedono in prima fila la Ricerca di Enel e che trovano sul mercato le applicazioni più avanzate attraverso l'offerta commerciale di prodotti e servizi di Enel Energia: caldaie di nuova generazione, climatizzatori efficienti, pompe di calore, impianti solari e molto altro.