Energia e distribuzione: più qualità, meno costi

Pubblicato il martedì, 22 aprile 2014

Il miglioramento continuo è la parola d'ordine delle strategie commerciali e tecnologiche di Enel. E i numeri lo confermano: per quanto riguarda in particolare il settore della distribuzione dell'elettricità, i progressi sono evidenti in termini sia di qualità del servizio, sia di riduzione dei costi.

Fra il 2005 e il 2010, per esempio, la durata media delle interruzioni del servizio di distribuzione elettrica è diminuita del 30%, con un vantaggio innanzitutto per i clienti. Contemporaneamente i costi operativi (a parità di numero di clienti) sono scesi del 25%.

Si tratta di un progresso che prosegue costante da sempre, ma che negli ultimi anni si è esteso in modo sensibile. Anche perché Enel sta mettendo a frutto i vantaggi dell'internazionalizzazione del Gruppo, per esempio esportando negli altri Paesi in cui è presente le migliori esperienze maturate in Italia in termini di innovazioni, di gestione dei servizi e di soluzioni infrastrutturali. Questo processo riguarda innanzitutto la Spagna, il Paese più paragonabile all'Italia sia per le caratteristiche economiche e sociali, sia per la penetrazione del Gruppo Enel sul mercato.

In Italia e Spagna, fra il 2010 e il 2013, i costi operativi a parità di numero di clienti sono ulteriormente scesi dell'8%. Anche dal punto di vista della qualità del servizio di distribuzione continuano i miglioramenti: la durata media delle interruzioni è diminuita del 17%.

Se poi dalla durata media delle interruzioni si passa alla loro frequenza nel tempo, l'andamento non cambia: nel solo 2012, il calo in Italia è stato del 5,2% rispetto al 2011 e del 16,2% rispetto al 2010. È la dimostrazione che per Enel l'efficienza non è solo uno slogan ma un obiettivo concreto, continuamente perseguito e raggiunto.