Domanda attiva, città intelligenti

Pubblicato il martedì, 6 maggio 2014

Da semplice utente passivo a produttore-consumatore attivo: il prosumer, è questo il futuro del cliente dell'energia elettrica.

La domanda attiva, cioè il coinvolgimento dei consumatori nella gestione della rete, è infatti una delle grandi risorse ancora da sfruttate per garantire l'efficienza energetica, poiché la consapevolezza dei clienti sui propri consumi è il primo passo per l'adozione di comportamenti più efficienti.

Si tratta di un nuovo modo di interazione tra utilities e prosumer, che prende come modello Internet: elettronica, informatica e comunicazione integrate portano a un'interazione tra chi eroga e chi riceve energia, che arriva fino ad anticipare le richieste di consumo. Il nuovo consumatore, attento e maggiormente consapevole dei propri consumi, utilizza a pieno le nuove tecnologie di partecipazione energetica che vanno dalla casa alla città.

Oggi esistono infatti dei dispositivi in grado di fornire una serie di informazioni tali da determinare e orientare le scelte di consumo personali, quali ad esempio la potenza, il prezzo e il volume dell'energia. Gli Smart Info si inseriscono nelle prese di casa e possono dialogare con il contatore elettronico, che insieme a Telegestore, il sistema di gestione dei contatori, costituisce la pietra miliare delle reti intelligenti.

Ampliando il discorso dal contesto esclusivamente domestico, i prosumer diventando cittadini energetici, consapevoli dei propri consumi e produttori di energia in città dotate di edifici e sistemi di illuminazione pubblica intelligenti, auto elettriche e reti di infrastrutture di ricarica bidirezionale, generazione distribuita anche a livello domestico. Con le smart cities, l'applicazione al tessuto urbano delle smart grids, le tecnologie rendono infatti i consumatori dei protagonisti di scelte di consumo elettrico in chiave sostenibile

In questo campo il Gruppo Enel è universalmente riconosciuto tra i maggiori esperti a livello mondiale, grazie anche agli studi realizzati a partire dai primi anni 2000 per lo sviluppo e l'installazione dei contatori intelligenti. Partecipa infatti da protagonista a numerosi progetti nazionali e internazionali, come Enel Info+, avviato a Isernia nel 2012, il progetto europeo Advanced (Active Demand Value And Consumer Experience Discovery), di cui Enel Distribuzione è coordinatore, e il Progetto Address, coordinato anch'esso da Enel Distribuzione e realizzato per creare una rete elettrica decentrata, in grado di gestire flussi bidirezionali e coinvolgere anche i piccoli e medi consumatori.