Porte aperte per l'Archivio storico di Enel

Pubblicato il martedì, 13 maggio 2014

“L'Energia, il valore della storia”, è il titolo della mostra ospitata dall'Archivio Storico di Enel in occasione della XX edizione di “Maggio dei Monumenti”, la manifestazione culturale promossa dal Comune di Napoli. L'Archivio Storico sarà aperto per tutti i fine settimana del mese di maggio, compresa domenica 1 giugno.

“Anche quest'anno allestiamo una mostra e un percorso espositivo del tutto inediti per la città di Napoli e per i visitatori” ha spiegato Paolo de Luce, dell'Archivio Storico Enel di Napoli, ai microfoni di Enel Radio, “il percorso espositivo di quest'anno si basa proprio sull'idroelettrico, e porta il visitatore in un viaggio attraverso le più importanti centrali del mezzogiorno”.

Un percorso che parte dal primo impianto realizzato dalla SME (Società Meridionale di Elettricità) nel sud Italia, realizzata tra il 1901 e il 1905, e giunge fino alla centrale di Presenzano (1991-2001).

“Non si tratta solo della storia di Enel, ma della storia della società italiana”, ha dichiarato ancora De Luce; “con questa mostra vogliamo ricostruire lo sviluppo economico e industriale nel sud raccontando la storia dei grandi impianti idroelettrici e di due personalità storiche che ne resero possibile la realizzazione: Giuseppe Cenzato, presidente del consiglio della Società Meridionale di Elettricità (SME), e Angelo Omodeo, il mago delle acque, il primo ingegnere del nord ad aver collaborato a Napoli, realizzando alcuni tra gli impianti più importanti: Matese, Lete e Tusciano. Proprio in archivio conserviamo i progetti originali di inizio novecento.”

L'apertura straordinaria dell'archivio è rivolta soprattutto alle scuole, perché è proprio “attraverso le scuole facciamo un percorso didattico per poter ricostruire assieme le vicende del nostro Paese”, ha concluso De Luce.

La partecipazione alle visite guidate è gratuita.

Per prenotare: archiviostoricoenel@enel.com

Telefono: 081.3674213

L'apertura al pubblico è dalle ore 9 alle ore 14.00 e il numero massimo dei visitatori per gruppo è di 15 persone.