Smart Cities, il know how di Enel dall'Italia all'Oriente

Pubblicato il venerdì, 30 maggio 2014

È Bologna la città d'Italia con il più alto livello di smartness. A rivelarlo la 2° edizione dello Smart City Index, realizzato da Between con il patrocinio dell'Agenzia per l'Italia Digitale e il supporto, tra gli altri, di Enel. Il rapporto, presentato il 24 maggio, analizza 116 capoluoghi sulla base di indicatori quali infrastrutture Ict (banda larga e wi-fi), efficienza energetica (smart building, smart-lighting, smart grids), mobilità sostenibile ed energia da fonti rinnovabili.

Sono le aree metropolitane del Centro-Nord a contendersi la fascia alta del ranking: Torino e Milano completano il podio, con Roma, Firenze, Pisa e Genova nei primi dieci. Bari, ventesima, è la prima città del Sud. In questa classifica spiccano alcune realtà dove Enel è impegnata in prima linea.

Genova e Bari sono infatti le città pilota del progetto Smart Cities, mentre con Bologna, Torino e Pisa sono state siglate intese per lo sviluppo di Smart Grids (reti di distribuzione intelligenti), quale fattore abilitante per una gestione più efficiente del sistema elettrico e per la diffusione della mobilità elettrica, con una conseguente riduzione delle emissioni di CO2.

Enel è infatti leader internazionale nel settore, con esempi in Spagna e America Latina, e ora guarda anche al Far East asiatico. A spiegarlo è Francesco Marini responsabile sviluppo Asia e Oceania di Enel: “Cina e India, insieme a Giappone, Malesia e Filippine sono il riferimento sul mercato asiatico, oggi in forte espansione. In questi Paesi abbiamo siglato accordi con player pubblici e privati: i risultati sono molto positivi”. In Cina, in particolare, è stata avviata una collaborazione con State Grid Corporation of China, il gestore nazionale dell'energia, per sviluppare Smart Grids e Smart Cities ed è stata stretta un'intesa con Finmeccanica per supportare soluzioni integrate nel settore energetico e nella viabilità.

“In Malesia – conclude Marini – è in corso una collaborazione con l'utility TNB, per l'installazione di 2.000 contatori intelligenti. E altri accordi sono in vista”.