I lampioni intelligenti di Enel per tagliare spese ed emissioni di CO2

Pubblicato il venerdì, 26 settembre 2014

Il commissario di governo alla Spending Review Carlo Cottarelli ha rilanciato di recente la proposta “Cieli bui”,spiegando sul proprio blog che razionalizzare l'illuminazione pubblica spegnendo luci non necessarie, potrebbe permettere risparmi nel breve periodo di 100-200 milioni di euro l'anno.

Ottimizzare l'uso dell'illuminazione di strade, scuole e municipi, iniziando dalle buone pratiche, come spegnere la luce dove non serve, è una delle vie da intraprendere. Tuttavia la soluzione per rendere realmente efficienti sul piano energetico le pubbliche amministrazioni passa oggi attraverso l'utilizzo di nuove tecnologie, come i led, i lampioni smart o, ancora, l'installazione di sistemi di auto-produzione di elettricità o per il teleriscaldamento. Tutte innovazioni che consentono in tempi rapidi di abbattere i consumi, ammortizzando anche i costi dell'investimento iniziale.

Il Gruppo Enel con le diverse proposte di Enel Sole per l'illuminazione pubblica è accanto ai Comuni nella ricerca delle migliori soluzioni per conciliare risparmio di spesa, efficienza energetica e ammodernamento di impianti ormai obsoleti e inefficienti.

È in questa direzione che si muove la scelta di Santa Teresa di Gallura, in provincia di Olbia, dove Enel Sole ha iniziato nei giorni scorsi l'installazione di 2.315 lampioni Archilede, basati su tecnologie a led. Grazie a questa innovazione si stima un risparmio energetico complessivo di 1.117,48 megawattora in un anno, il 68% in meno rispetto alle vecchie lampade, e un taglio di emissioni di CO2di circa 490 tonnellate l'anno. L'obiettivo dell'intervento è però anche di rendere il nuovo sistema d'illuminazione pubblica uniforme, non solo da un punto di vista estetico, integrandolo nel contesto urbano e agevolando le operazioni di manutenzione e gestione.

Risparmiare energia migliorando al tempo stesso la qualità dell'illuminazione: questo è Archilede - ha sottolineato Carmelo La Rosa, responsabile Centro Italia Enel Sole - La tecnologia che introduciamo a Santa Teresa di Gallura rappresenta un vantaggio per tutti: cittadini, amministrazione e ambiente, riducendo al tempo stesso costi ed emissioni e garantendo maggiore efficienza e affidabilità”.

A oggi sono circa 3.750 le realtà urbane, grandi e piccole, sia in Italia che all'estero, che utilizzano i sistemi di illuminazione pubblica di Enel Sole, in grado di garantire alti standard di sicurezza, qualità, affidabilità e sostenibilità.