Comunicare l'energia ai tempi del web: Enel traccia la strada dei social digitali

Pubblicato il mercoledì, 22 ottobre 2014

In un Paese che di rado brilla quando si parla di Internet e alfabetizzazione digitale, è incoraggiante leggere la notizia rilanciata nei giorni scorsi dal Corriere Economia: secondo un'indagine di ICom, associazione di studi e analisi su competitività e innovazione, Enelè leader in Italia e in Europa tra le utilities energetiche per presenza e utilizzo dei social network. 

o studio, realizzato nel settembre scorso, analizza le performance degli account social di Enel, Edison, E.on Italia, Gdf Suez Italia e Sorgenia, confrontandole con quelle di altri leader energetici europei di Francia, Germania, Regno Unito e Spagna. Dallo studio sono stati esclusi per motivi di omogeneità le multiutility locali e i grandi player attivi anche in altri comparti, come Eni. I parametri presi in considerazione per valutare le aziende sui tre principali social network (Facebook, Twitter e YouTube) sono stati: numero di fan, post giornalieri e relativi commenti, media like a ogni post e risposte istituzionali ai commenti dei fan.

L'analisi, assegnando un punteggio a ogni parametro, ha evidenziato come la reputation di Enel sui social media sia ben posizionata rispetto a quella dei competitor, sia in Italia sia in Europa. A livello nazionale Enel primeggia su tutte le concorrenti, grazie anche al fatto di essere stata pioniera nel percorrere i nuovi canali della comunicazione digitale. Nella UE, invece, l'utility italiana è leader su YouTube, precedendo la francese Gdf Suez e la spagnola Iberdrola. È seconda su Facebook a poca distanza dalla tedesca Rwe, prima, e sopra British Gas. Infine su Twitter è sul podio, terza dietro British Gas e Iberdrola. Tuttavia, sommando il punteggio ottenuto per ciascun social, Enel si aggiudica la prima posizione nella UE con uno scoredi 76/100, seguita da British Gas con 63/100 e da Rwe con 51/100. 

Un risultato che, spiega Stefano Da Empoli direttore di ICom, se da un lato poteva essere prevedibile, in virtù della forza del brand e del numero di clienti, si delinea sorprendente vista la scarsa digitalizzazione del nostro Paese: infatti solo il 54% degli italiani utilizza Internet ogni giorno, contro il 78% dei britannici, il 69% dei tedeschi e il 66% dei francesi.

Enel si è così dimostrata lungimirante e attenta alle opportunità offerte dal web 2.0: è stata tra le prime a utilizzare l'hashtagper rilanciare le campagne pubblicitarie, lo storytellingcome forma di brand-entertainment, il live twittinge lo storifycome forme di partecipazione on-air.