Energia e risparmio, i Comuni scelgono efficienza e sostenibilità

Pubblicato il lunedì, 13 ottobre 2014

Tagliare i consumi di energia non solo per ridurre le emissioni di CO2 e i costi in bolletta, ma anche per contrastare l'inquinamento luminoso e acustico. La via alla sostenibilità e all'efficienza delle città del Bel Paese passa attraverso l'innovazione energetica green, le scelte consapevoli delle amministrazioni e le alleanze strategiche con partner industriali. Un percorso in cui Enel, negli ultimi anni, si è trovata spesso al fianco dei Comuni.

L'illuminazione a LED

Dal 2009 ad oggi la controllata Enel Sole ha installato quasi 200.000 apparecchi a LED della gamma Archilede nelle strade di più di 1.600 municipi. Un intervento che ha permesso un saving energetico di circa 127 GWh, pari al consumo medio annuo di 47.000 famiglie, evitando l'emissione in atmosfera di circa 48.500 tonnellate di CO2. Vantaggi per l'ambiente cui si sommano, quelli per i budget delle amministrazioni, con risparmi in bolletta dal 40 all'80 %.Tra le città che hanno affidato ad Enel Sole riqualificazione e gestione integrata dell'illuminazione pubblica e semaforica, ci sono Bologna, Rimini, Catanzaro, Cosenza, Alessandria, realtà più piccole come Paderno Dugnano (MI) e Città di Castello (PG), borghi antichi come Pietralunga in provincia di Perugia. Esempi di come l'innovazione può portare vantaggi economici, integrandosi con discrezione nell'ambiente, nella storia e nell'arte delle città italiane, dando nuove luce a strade e piazze, riducendo l'inquinamento luminoso e “riaccendendo” le stelle.

E-Mobility

Integrazione e interoperabilità sono anche la forza di una rivoluzione silenziosa che interessa di nuovo strade e realtà urbane: la mobilità elettrica. Silenziosa perché oltre a ridurre l'emissione di CO2, le auto elettriche azzerano i decibel dei motori tradizionali. La chiave di questa rivoluzione è la creazione di una rete di ricarica capillare, per permettere rifornimenti semplici e quindi spostamenti medio lunghi. In quest'ambito Enel Distribuzione dal 2010 a oggi ha realizzato circuiti di ricarica interoperabili – cioè utilizzabili da utenti di operatori diversi - di dimensione regionale, in Emilia Romagna, Lazio, Lombardia e di recente in Umbria, con 15 comuni coinvolti. Lo scorso 2 ottobre ad Assisi è stata inaugurata la colonnina di ricarica nel parcheggio di Piazza Porziuncola a Santa Maria degli Angeli. Prossimo obiettivo la Toscana, dove a Pisa sono state installate e sperimentate le prime colonnine, mentre a Siena, a settembre, è stato avviato il progetto per una rete di 43 punti di ricarica.

Dalle smart grids alle smart cities

Enel Distribuzione offre ai Comuni la possibilità di collaborare nella definizione di strategie di efficienza energetica, attraverso la condivisione dei dati (data sharing) e la creazione di reti intelligenti, in grado di gestire generazione e distribuzione di energia. Sono diversi i municipi italiani che trovano in Enel un alleato nella stesura dei PAES, i piani per l'energia sostenibile: il principale strumento degli enti locali per definire politiche energetiche improntate al recepimento delle più recenti normative europee in fatto di efficienza energetica.

Le reti intelligenti, che vedono nel contatore elettronico lo strumento portante, rappresentano la chiusura del cerchio verso la creazione di città smart e sostenibili. Progetti di smart cities vedono Enel attiva a Torino, Genova, Bologna e Bari. L'obiettivo è raccordare e armonizzare tutte queste tecnologie dalla mobilità elettrica, ai LED, dall'integrazione smart della rete elettrica e del gas, alla telegestione del riscaldamento e dell'acqua.