La mobilità elettrica di Enel sbarca a Siena, nel segno dell'interoperabilità

Pubblicato il mercoledì, 1 ottobre 2014

Un motivo in più per scegliere l'auto a trazione elettrica per chi vive nella splendida città di Siena o nei vicini comuni di Asciano, Castelnuovo Berardenga, Monteroni d'Arbia, Rapolano Terme e Sovicille. In occasione della “Settimana europea della mobilità sostenibile” (celebrata dal 22 al 28 settembre scorso) è stato presentato il progetto che vedrà Enel impegnata sul territorio senese nell'installazione di 43 infrastrutture di ricarica interoperabili e di 15 totem informativi.

I proprietari di mezzi elettrici potranno acquistare una Smart card, stipulando un contratto di fornitura di energia con un Energy Vendor a scelta, e quindi fare il pieno, 24 ore su 24, a Siena e nel suo hinterland, ma anche in qualsiasi altro punto della rete sul territorio nazionale che abbia adottato un analogo sistema di ricarica e facilmente individuabile sul sito www.eneldrive.it.

Il progetto di Siena” ha sottolineato Fulvia Fazio di Infrastrutture e Reti “rappresenta un ulteriore tassello nello scacchiere dell'e-mobility del Gruppo. L'Italia è l'unico Paese in Europa ad aver promosso la mobilità elettrica su base regionale e questo grazie alle tecnologie sviluppate da Enel in accordo con altri distributori – tra cui Acea, Hera, Iren, A2A, ASM – che hanno aderito al modello “distributore aperto” e adottato il sistema Enel Infrastrutture, che insieme alla telegestione da remoto permette l'interoperabilità. I clienti possono quindi spostarsi in città diverse e ricaricare l'auto da colonnine di operatori differenti, pur avendo un contratto con un solo Energy Vendor”.

GUARDA LA FOTOGALLERY

Enel, ha ricordato la Fazio, ha lavorato da subito su un sistema di rete regionale: la prima è stata l'Emilia Romagna, con un network di ricarica in 13 città, seguita da Lazio, Lombardia e di recente dall'Umbria con 15 città coinvolte, cui ora si aggiungerà la Toscana. 

Siena – ha spiegato ancora la Fazio – è la prima città toscana ad aver scelto il modello distributore Enel attraverso una gara pubblica, ma non è la prima città della Toscana con una rete di ricarica. Il primo progetto di mobilità elettrica, in un certo senso la madre di tutte le mobilità a zero emissioni di Enel, è stato realizzato a Pisa nel 2010. L'idea ora è di dar vita a un circuito virtuoso per collegare le città d'arte della Toscana attraverso un'infrastruttura di distribuzione che partendo dall'aeroporto di Pisa, colleghi la stessa Pisa, Firenze e Siena”. 

Quello di Pisa è infatti il principale scalo delle compagnie low cost utilizzato dai turisti stranieri per visitare la Toscana. Un esempio di come l'innovazione e l'implementazione di reti intelligenti in ambito energetico possa oggi conciliare l'idea del Grand Tour, con l'esigenza di una mobilità sostenibile e rispettosa dell'ambiente.