Emissioni, norme e tecniche al servizio dell'ambiente

Pubblicato il venerdì, 7 novembre 2014

La legislazione europea e nazionale in tema di tutela ambientale è in continuo aggiornamento e punta ad assicurare massimi livelli di salvaguardia, per massimizzare l'efficienza degli impianti industriali e dell'attività energetica. 

Il costante controllo delle emissioni gassose riveste, infatti, un'importanza strategica per le attività industriali, sia per adeguare i processi produttivi ai limiti stringenti e a strumenti precisi di verifica, sia per assicurare sicurezza ed equilibrio tra produzione e rispetto degli ecosistemi. Il delicato argomento è stato al centro del seminario Ambiente ed emissioni: aspetti normativi e operativi, organizzato da Opus Automazione, azienda toscana leader nei sistemi di controllo emissioni e gas di processo, e Airmec, realtà dell'avellinese da trent'anni attiva nel settore di impianti di trattamento aria e risanamento ambienti, in collaborazione con Confindustria Avellino.

Alessio Baldini dell'assistenza specialistica di Enel Produzione ha contribuito al dibattito con un focus sulla norma europea UNI EN 14181/2005. “Si tratta – spiega Baldini - dell'insieme di regole e modalità operative stabilite nell'ambito della corretta gestione del Sistema di Monitoraggio in Continuo (Automated Measurement System – AMS), ovvero di tutte le macchine e analizzatori installati nelle centrali termoelettriche che hanno il compito di monitorare inquinanti e macro inquinanti su tutto il percorso di esercizio dell'attività produttiva”.

L'evento ha rappresentato un'occasione per industria e mondo accademico – tra i panel quello di Luigi Ferrara, professore di Diritto ambientale dell'Università Federico II di Napoli – per fare il punto sulle recenti novità introdotte in Italia con il recepimento della direttiva 2010/75/CE (Dlgs 46/2014) la cui corretta applicazione è fondamentale per una gestione moderna ed efficiente dal punto di vista ambientale, degli impianti industriali. Tra le novità introdotte dalla nuova normativa, il rafforzamento della definizione e utilizzo delle migliori tecniche disponibili (cosiddette BAT - Best Available Techniques) di misura e controllo degli inquinanti. Tecnologie su cui il Gruppo è impegnato da anni e sulle quali oggi può contribuire con la propria testimonianza di risultati ottenuti, in particolare sulla qualità dei dati e dei valori monitorati.

Enel è all'avanguardia in tema di ambiente” - aggiunge Baldini - “In futuro desideriamo rimanere aggiornati sulle evoluzioni riguardanti la normativa tecnica per la tutela dell'ambiente e sulla qualità dei nostri sistemi di monitoraggio”.