La nuova energia? "Digitale" ed efficiente

Pubblicato il martedì, 27 gennaio 2015

L'energia che serve all'Italia è "digitale" ed efficiente. Alla domanda di risparmio e crescita che accomuna i vari ambiti della società italiana, il settore elettrico ha iniziato a replicare con una risposta smart che unisce le esigenze dei consumatori, delle imprese e delle aziende energetiche.

Le previsioni per il 2015 parlano di consumi di elettricità destinati a una timido +1% di aumento rispetto al 2014 ma questa ripresa non mitiga il gap di una sovra capacità ormai permanente della produzione elettrica italiana. Nell'ultimo decennio il fabbisogno di energia si è ridotto di ben 33 milioni di tep (tonnellata equivalente di petrolio) per una contrazione che ha contribuito in maniera sostanziale a ridisegnare lo scenario energetico nazionale oggi alle prese con elementi problematici, come una ripresa faticosa della produzione industriale, e fenomeni virtuosi quali la crescita della generazione distribuita, con una quota crescente di produttori-consumatori, e la diffusione delle fonti rinnovabili la cui penetrazione nei consumi finali di energia ha raggiunto circa il 17% nel 2014, centrando il target obbligatorio fissato dall'Unione europea per l'Italia e avvicinandosi al 20% fissato dalla Strategia energetica nazionale e definito nel 2013.

L'efficienza energetica è ormai parte del vocabolario di quasi tutti settori industriali e del cittadino comune. Ma le pur tante iniziative e soluzioni per ottenerla sia a livello produttivo che di servizi pubblici o di consumi privati non hanno ancora esaurito il potenziale virtuoso che eleva i negawatt risparmiati al valore dei megawatt prodotti e consumati. Per Enel l'efficienza energetica si declina in tutti gli ambiti della sua attività e nel rapporto con i consumatori si traduce in molteplici opportunità dalle luci al led alle pompe di calore, dalle caldaie a condensazione sino alla mobilità elettrica. La sfida che l'azienda ha scelto di intraprendere sul mercato italiano è quella di offrire servizi integrati, soluzioni e strumenti che facilitino la domanda attiva e il consumo consapevole e pacchetti chiavi in mano per i clienti ai quali viene offerto un servizio a 360° che può includere dall'installazione di un impianto domestico, alle pratiche fiscali e burocratiche sino al sistema di pagamento.

La digitalizzazione è il fattore abilitante dell'efficienza energetica anche e soprattutto nell'ambito dei servizi ai clienti del mercato elettrico. Enel ha risposto al nuovo profilo del consumatore, attento all'utilizzo dell'energia e soprattutto alla cerca di semplicità e risparmio, muovendosi con largo anticipo rispetto ai player del settore adeguando la rete alle nuove esigenze, ripensando totalmente al sistema di protezione elettrica e offrendo strumenti di risparmio energetico che consentono ai consumatori di spendere meno e meglio e la cui attivazione è facilitata dall'infrastruttura di Enel. Tra gli esempi più noti ci sono il contatore elettronico, introdotto in Italia a partire dal 2001 e ormai pronto ad essere sostituito con apparecchi di nuova generazione, e l'evoluzione smart della rete che documentano come Enel abbia intrapreso da tempo un percorso di evoluzione che oggi si esprime in una vera e propria strategia digitale che interessa la generazione, le infrastrutture di rete e il servizio ai clienti.