futur-e-e-le-centrali-eclettiche-italiane

Pubblicato il martedì, 28 luglio 2015

A Torino sta sorgendo una "nuvola" fatta di uffici, aree pubbliche e spazi per lo studio universitario, a Malnisio (Pn) è nato un museo dell'immaginario scientifico, a Roma l'archeologia antica si sposa con quella industriale unendo macchine e divinità. C'è un'Italia nella quale le centrali elettriche si trasformano in centrali "eclettiche" rinascendo sotto nuove vesti e per nuovi usi dopo anni passati a produrre energia. E il concorso di idee di Futur-E, lanciato per individuare una nuova destinazione d'uso del sito dove sorge l'impianto Enel di Alessandria, si inserisce in questa tradizione che conta nel nostro Paese già esempi di successo.

Il Concorso di idee di Futur-E sta raccogliendo l'attenzione di tanti tra imprenditori, gruppi di aziende e studi di architettura. Molti hanno già visitato l'area nelle date del 15 e 21 luglio e molti altri, attraverso le pagine dedicate al Concorso sul sito Futur-e, hanno prenotato il sopralluogo per l'ultimo appuntamento utile allo scopo fissato per il 22 settembre.

La riconversione del sito Enel di Alessandria segue la strada del Concorso come primo esempio "pilota" di una call to action lanciata da Enel per raccogliere e valorizzare proposte provenienti dai vari stakeholder o imprese. Considerando il contesto locale e le indicazioni emerse nel dialogo con le diverse espressioni della comunità cittadina sono stati individuati sei possibili ambiti per la futura destinazione d'uso: sportivo, culturale-ricreativo; ricerca e sviluppo; logistica; commerciale; industria manifatturiera innovativa. Si tratta di indicazioni importanti per immaginare le idee progettuali di valorizzazione del sito che verrà restituito alla collettività in nuova veste e per nuovi usi.

Centrali elettriche rinate a nuova vita sono già diffuse sul territorio italiano e molte di queste sono ex impianti Enel. Tra i tanti esempi recenti si possono citare la centrale idroelettrica di Malnisio (Pn), realizzata agli inizi del '900, chiusa nel 1988 e trasformata nel 2006 in museo dell'elettricità al quale è poi stato aggregato anche un Science Center. Un altro esempio viene da Torino dove Lavazza sta realizzando il Progetto nuvola che prevede la riconversione dell'ex impianto Enel della storica borgata Aurora per ospitarci il quartier generale della multinazionale del caffè, la nuova sede dell'Istituto d'Arte Applicata e Design e spazi per il pubblico. Nel lungo elenco di impianti elettrici italiani riconvertiti a nuovo uso non può mancare poi la centrale Montemartini di Roma, ora inclusa nel circuito dei Musei Capitolini, che il quotidiano inglese The Guardian suggerisce ai suoi lettori come uno dei dieci più belli d'Europa.