EGP, un’innovazione da primato

Pubblicato il mercoledì, 2 settembre 2015

La costruzione di un sistema energetico alimentato al 100 per cento da fonti green richiede un grande sforzo di innovazione tecnologica, cui Enel Green Power risponde mettendo a segno un nuovo primato mondiale nel settore delle rinnovabili. La società del gruppo Enel ha di recente collegato alla rete, presso la centrale geotermica Cornia 2 nel Comune di Castelnuovo Val di Cecina (in Toscana), il primo impianto al mondo che utilizza la biomassa per surriscaldare il vapore, con l’obiettivo di incrementare l’efficienza energetica e la produzione elettrica del ciclo.

All’impianto geotermico esistente è stata affiancata una piccola centrale alimentata da biomasse di origine forestale a filiera corta, prodotte in un raggio di 70 chilometri dalla sua collocazione. Grazie alla biomassa il vapore in ingresso alla centrale, da una temperatura iniziale compresa tra i 150 e i 160°, viene surriscaldato fino ad arrivare a 370 – 380 gradi, con conseguente aumento della potenza netta per la produzione di elettricità e del rendimento del ciclo (grazie alla minore umidità nella fase di produzione).

Il connubio realizzato a Cornia 2 rappresenta un’innovazione tecnologica di grande valore che integra un insediamento industriale già esistente mantenendo la totale rinnovabilità della risorsa e del ciclo, con un impatto ambientale prossimo allo zero e importanti ricadute occupazionali sul territorio.

La compresenza di più tecnologie è un filone che Enel sta sviluppando con successo in diverse zone del mondo, perché permette di aumentare la produzione di energia rinnovabile avvalendosi delle stesse infrastrutture e di sfruttare al meglio le peculiarità di ogni tecnologia, riducendo al minimo gli inconvenienti derivanti dalla ridotta programmabilità di fonti come eolico e solare. Ne è un valido esempio l’impianto EGP di Stillwater, in Nevada (Stati Uniti), in cui la società del gruppo Enel ha realizzato il primo progetto ibrido al mondo che unisce la capacità di generazione continua della geotermia (ciclo binario a media entalpia) con la capacità di picco del solare.