Enel Sole: il risparmio è matematico

Pubblicato il lunedì, 26 ottobre 2015

Sostituire i lampioni della luce con gli alberi per migliorare la qualità dell'aria e tutelare l'ambiente delle nostre città. Può sembrare frutto dell'immaginazione sognante di un bambino, ma in molti comuni italiani ed esteri la realizzazione di questa visione che può sembrare quasi fantascienza non solo è possibile, è già realtà.

Le lampade a LED installate da Enel Sole sino ad oggi possono essere equiparate infatti a 2milioni di alberi perché hanno permesso un risparmio di 64.700 tonnellate di CO2 cioè la stessa quantità di anidride carbonica che verrebbe assorbita da una vera e propria foresta. I dati li ha forniti Luca Moscatello, responsabile ingegneria di Enel Sole, in occasione del IX Convegno Matematica e realtà svoltosi a Viareggio (9-11 ottobre) durante il quale si è parlato anche di "Nuove tecnologie basate sulla luce" e delle soluzioni dell'azienda di Enel specializzata in illuminazione pubblica e artistica.

Il risparmio energetico ottenuto grazie alle lampada a LED di Enel Sole è del 65% rispetto alle vecchie lampade a vapore di mercurio e del 40% rispetto a quelle a vapore di sodio (quelle a luce gialla di tante strade italiane). I dispositivi della gamma Archilede hanno un'efficienza luminosa di gran lunga superiore rispetto a quelli tradizionali, una resa cromatica migliore e una durata di 100.000 ore pari complessivamente a circa 20 anni. "Dal 2009 ad oggi – ha ricordato Moscatello -  i 250.000 apparecchi a LED installati in circa 3750 Comuni italiani ed esteri da Enel Sole hanno consentito un risparmio di 169,5 GWh per un risparmio di 64.700 tonnellate di CO2."

La tecnologia LED è la soluzione che sempre di più caratterizza i progetti di Enel Sole poiché garantisce eccellenti prestazioni illuminotecniche insieme a livelli di efficienza energetica, durata, spese manutentive e costi nettamente migliori rispetto alle soluzioni tradizionali. Inoltre il LED è altamente versatile poiché è una tecnologia che può essere utilizzata per l'illuminazione di ampi spazi aperti, edifici, ambienti subacquei con un'elevata resa cromatica che si coniuga con ridotti consumi energetici.

L'ultima generazione di tecnologia LED consente inoltre di "attivare soluzioni di Smart Lighting – ha sottolineato Moscatello -  ovvero di abbinare all'illuminazione pubblica servizi a valore aggiunto quali la videosorveglianza, le stazioni meteo, i pannelli a messaggi variabili, gestione di impianti semaforici, accessi parcheggi, ztl e molto altro".