Il sostegno di Enel Cuore per le scuole

Pubblicato il venerdì, 23 ottobre 2015

"La scuola non è data una volta per tutte. La scuola è un diritto che si costruisce giorno per giorno, mattone su mattone, praticandolo nei suoi spazi, nella didattica, nelle relazioni tra le persone, nelle relazioni con l’ambiente e il territorio, cioè nel fare scuola". Dalle parole di Carla Rinaldi, presidente della Fondazione Reggio Children, è partita la descrizione del progetto Fare Scuola, un programma che fonde insieme l’esperienza pedagogica del Reggio Emilia Approach con il know-how di Enel Cuore Onlus per ciò che riguarda la sensibilità sui temi del disagio infantile.

Nato dalla volontà di migliorare la qualità degli ambienti scolastici – e considerare gli spazi non come luoghi chiusi per "contenere" i ragazzi, ma come contesti d'apprendimento e luoghi di relazione – Fare Scuola è stato presentato alla stampa dalla presidente di Enel Patrizia Grieco, che ha sottolineato come “l’attenzione verso la scuola e alle nuove generazioni rappresenti la base per uno sviluppo sostenibile delle comunità”.

L’idea alla base del progetto è quella di ripensare gli spazi della scuola, valorizzandola come luogo di relazioni e di formazione: 60 le scuole (tra infanzia e primarie) che, nei prossimi tre anni e sull'intero territorio nazionale, beneficeranno di interventi strutturali per reinventare spazi o attribuire nuovi significati a quelli esistenti, sia interni (laboratori, atelier) che esterni (cortili, giardini). “La scuola non è solo un edificio, ma un insieme di relazioni tra le generazioni e con la città" ha affermato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, intervenuto alla presentazione presso l’Auditorium Enel di Roma. “Per questo è benvenuta la collaborazione tra Enel Cuore e la Fondazione Reggio Children, che consente alle scuole di riprendere quella centralità insita nella loro missione”.

Le città coinvolte per questo primo anno sono equamente distribuite tra nord (Carpi, Genova, Verbania), centro (Livorno e Teramo) e sud (Catania, Matera, Napoli, Palermo e Scicli). A fine ottobre il completamento del cantiere di Carpi, per la fine dell’anno di Catania e Palermo; entro primavera 2016 Livorno, Verbania, Genova, Teramo e Matera, e a seguire Napoli e Scicli. “Oggi l'attenzione di Enel Cuore è focalizzata sul territorio nazionale – ha aggiunto la presidente Grieco – dove si sostengono prevalentemente progetti di grandi dimensioni, anche di durata pluriennale, sui temi prioritari dell'infanzia e della terza età. Per questo siamo estremamente lieti di collaborare con la Fondazione Reggio Children in un progetto che contiene una visione pedagogica che aiuti le scuole, attraverso il coinvolgimento diretto degli educatori e delle famiglie, a essere sempre più vicine ai bisogni educativi dei bambini”.

Tutta Enel si raccoglierà intorno a questa iniziativa, mettendo in campo anche le esperienze nell’audit energetico e nel volontariato sociale. Un ulteriore sostegno arriverà poi da Enel Energia, che devolverà 2 euro per ogni contratto sottoscritto con la nuova offerta EnelXOggi.