Enel per l Italia low carbon e digitale

Pubblicato il mercoledì, 2 dicembre 2015

Enel è da tempo in campo per ridurre il digital divide italiano. E all'ultimo Investor day di Londra è stata annunciata anche la nascita di una Newco per cablare il Paese con la banda larga. "Entreremo nel cosiddetto mercato della fibra spenta – spiega il Country manager Italia, Carlo Tamburi - mettendo a disposizione agli operatori esistenti la nostra connettività per un'iniziativa di natura infrastrutturale".

Ospite della rassegna Roma InConTra lo scorso 23 novembre a Palazzo Santa Chiara, e intervistato dal padrone di casa Enrico Cisnetto, Tamburi ha voluto ricordare "l'idea semplice" che ha portato Enel a diventare protagonista della trasformazione digitale dell'Italia. "A partire dall'anno prossimo cominceremo a sostituire i contatori digitali, perché sono passati 15 anni dall'installazione dei primi, arrivati ormai a maturazione tecnologica. Siccome con la nostra rete di distribuzione arriviamo nelle case di quasi tutti gli italiani, abbiamo capito che il momento della sostituzione dei contatori poteva essere, per tutti gli interlocutori del Paese, l'occasione più efficiente e più economica per installare anche un pezzo di cavo in fibra ottica, che andrà dal contatore alla prima cabina elettrica o telefonica. Così ci siamo resi disponibile a fare anche questo lavoro".

Digitale e innovazione sono sempre più importanti nel settore elettrico ed Enel - da oltre un decennio è all'opera su smart metering, reti intelligenti e automazione del sistema di distribuzione - le ha rese elementi centrali, assieme alle rinnovabili, nel percorso verso la carbon neutrality del Gruppo fissata entro il 2050.

"La stella polare delle rinnovabili" - sono parole di Tamburi - guida lo sviluppo di Enel. Di recente The Guardian ha definito l'azienda "il primo gigante energetico verde del Pianeta" e in questo primato le fonti verdi sono affiancate da una visione caratterizzata dalla ricerca della sostenibilità a 360°.

"Rispetto per l'ambiente e risparmio energetico sono pilastri della nostra filosofia e della nostra strategia" ha sottolineato Tamburi, ricordando che questa visione interessa tanto le centrali dedicate alla generazione quanto il servizio ai consumatori. Impianti fotovoltaici domestici, condizionatori di ultima generazione o caldaie a condensazione sono sempre più richiesti dal mercato. E le soluzioni per l'efficienza e il risparmio energetico, durante gli anni della crisi, si sono rivelati anche un'importante leva di business. Enel sta offrendo ai consumatori un numero sempre crescente di possibilità, create ad hoc per le singole esigenze. "Attraverso le proposte di efficientamento energetico per la casa abbiamo fidelizzato i clienti - ha spiegato Tamburi. E li abbiamo aiutati a fare investimenti, che sono stati rateizzati in bolletta".