Il 2015 di Enel un anno di innovazioni

Pubblicato il martedì, 29 dicembre 2015

I video più visti su YouTube, le parole più ricercate su Google o Yahoo, gli hashtag più utilizzati su Twitter e i post che hanno ricevuto più like o condivisioni su Facebook. Con l'avvicinarsi dell'ultimo dell'anno la rete si sbizzarrisce nell'offrire classifiche di trend e tormentoni che hanno caratterizzato il 2015. Ogni ambito, sia il cinema o lo sport, la politica o la cucina può stillare la sua classifica di parole chiave restituendo l'istantanea dell'anno appena trascorso e del nuovo che sta per arrivare. Anche il settore energetico ha una sua top 10 che raccoglie tra l'altro rinnovabili, smart grid, COP21, climate change … un insieme di termini collegati tra loro da una parola che spesso li accompagna ed è sempre più centrale non solo per la industry ma anche per la vita quotidiana di tutti: innovazione.

Il 2015 è stato un anno di innovazioni per il mondo dell'energia forse più degli anni precedenti. L'Italia ha svolto un ruolo di primo piano in questa tendenza, con l'introduzione crescente di cambiamenti in tutti gli ambiti della filiera energetica, e ha vissuto un momento particolarmente significativo con EXPO dove per la prima volta nella storia, grazie a Enel, è stata realizzata una rete intelligente green field che ha dato la possibilità ai cittadini di vivere l'esperienza di una quotidianità immersa in un nuovo mondo di tecnologie smart.

L'elenco di innovazioni introdotte da Enel nel 2015 non si ferma alla smart city dell'esposizione universale di Milano ed è frutto di un percorso intrapreso a 360° ormai da più di dieci anni. Basti pensare ai progetti per la mobilità elettrica con i nuovi sistemi di ricarica veloci e le colonnine che aumentano lungo la Penisola: il 2015 ha segnato un ulteriore e significativo passo avanti di un cammino iniziato da Enel nel 2008. I contatori intelligenti e la digitalizzazione nella distribuzione elettrica sono una novità continua che si rinnova in Italia dal 2001 – anno dell'installazione del primo smart meter a Pisa – e che nel 2016 vedrà un ulteriore sviluppo con l'inizio dell'implementazione dei contatori di seconda generazione e di nuove soluzioni digitali basati sull'Interne delle cose e la domotica.

L'innovazione nelle rinnovabili è stato un altro fil rouge del 2015 di Enel con sperimentazioni, test e progetti che aprono già a sviluppi per il 2016. I sistemi di storage integrati nel campo solare di Catania e in quello eolico di Potenza Pietragalla, la macchina per l'energia del mare Inertial Sea Wave Energy Converter (ISWEC) in sperimentazione sull'isola di Pantelleria ma anche i "droni verdi" utilizzati per la diagnostica e il monitoraggio di dighe e impianti fotovoltaici sono alcuni degli esempi di quanto il 2015 abbia dato spazio al cambiamento e alle novità. Per Enel il modello di open innovability, coinvolgendo anche startup, imprese e istituzioni, è ormai diventata forma abituale e quotidiana di vivere il proprio ruolo nell'industria energetica e, in modo molto più ampio, nella trasformazione verso l'economia low carbon che sta sempre più interessando l'intero Pianeta.