Firenze si fa smart a passo di (ri)carica

Pubblicato il venerdì, 15 gennaio 2016

A Firenze l'auto elettrica diventa 2.0. Enel ha installato 141 nuovi punti di ricarica nel capoluogo toscano dando così un ulteriore accelerazione alla crescita della mobilità elettrica in città dove, sino ad oggi, erano operative 107 punti di vecchia concezione per fare il pieno di elettricità alle auto.

Tecnologia e rapidità sono le due parole d'ordine del programma di evoluzione e implementazione dell'infrastruttura che, una volta completata, comporterà l'installazione di 172 nuovi punti di ricarica pubblica in sostituzione dei precedenti. I nuovi "distributori" sono caratterizzati da prestazioni migliori e più veloci rispetto a quelli sino ad oggi presenti, da aderenza agli standard internazionali utilizzati per i veicoli e dalla completa interoperabilità per la distribuzione dell'energia.

Firenze è tra le capitali italiane della mobilità sostenibile. Nel capoluogo toscano circolano già oggi circa 1700 veicoli elettrici, tra auto, motocicli, scooter e mezzi adibiti al trasporto merci e alle attività di pubblica utilità. E nel 2016 la città si appresta a dare ulteriore impulso alla sua vocazione per la e-mobility con il progetto smart city, realizzato dal Comune fiorentino anche grazie alla partnership con Enel nell'ambito del programma europeo Replicate.

Le 172 colonnine per la e-mobility hanno prese per ricarica normale a 3,3 KW per ricarica veloce a 22 KW. I nuovi dispositivi permettono una notevole riduzione dei tempi per fare il "pieno" rispetto alle precedenti infrastrutture in cui era disponibile una potenza di 6 KW ma distribuita su 4 prese.

Il piano di implementazione della rete di punti di ricarica prevede l'installazione di 96 colonnine con potenza complessiva di 6,6 kW e doppia presa con tipologia SCAME 3A/SCAME 3°; 76 colonnine con potenza complessiva di 25,3 kW e doppia presa: 1 con tipologia SCAME 3A ed 1 con tipologia MENNEKES per complessive 172 colonnine in 114 siti.