Smart-Eco Transformer, per una rete più sostenibile e innovativa

Pubblicato il giovedì, 3 marzo 2016

Il boom delle rinnovabili ha spinto la rete di distribuzione verso un rinnovamento tecnologico, per rispondere alle esigenze dei clienti diventati oggi anche prosumer, ovvero consumatori e produttori di energia. Un cambiamento che, insieme al miglioramento continuo della qualità del servizio, costituisce uno dei driver dell’innovazione tecnologica.

I delicati equilibri legati alla regolazione della tensione e alla necessità di dare stabilità alla rete elettrica, per garantirne il funzionamento ottimale, sono resi possibili da una serie di tecnologie oggi in continua evoluzione per rispondere al passaggio da una rete passiva ad una rete attiva.

Per rendere più sostenibili e smartle reti, l’unità Tecnologie di Rete di Enel Distribuzione sta lavorando ad importanti innovazioni per garantire ai clienti finali un servizio sempre migliore. Una di queste riguarda l'installazione di “Smart-Eco Transformers”  per l’alimentazione delle linee di bassa tensione (BT).

Si tratta di trasformatori trifase MT/BT, che utilizzano oli vegetali come isolanti e dotati di regolazione automatica della tensione. L'innovazione nasce dall'unione di due progetti. Il primo riguarda la sperimentazione dell'uso di oli isolanti in estere vegetale (derivati dalla soia e dalla nocciola) nei trasformatori utilizzati per l’installazione sui pali delle linee elettriche di bassa tensione, al posto degli oli minerali. L'obiettivo è di ridurre l'impatto ambientale legato alla dispersione degli oli, causata spesso dal furto di questi componenti, letteralmente tirati giù dai pali per ricavarne rame. “Per cercare di arginare il danno ambientale dovuto a questa pratica fraudolenta – spiega Gianni Andreella di Enel Distribuzione - abbiamo iniziato a sperimentare l'impiego di oli vegetali, biodegradabili al 95% e con un alto punto di infiammabilità, per ridurre il rischio ambientale e quello d'incendio”.

Il secondo progetto, precisa Antonio Cammarota responsabile Centro di Sviluppo Soluzioni Trasformatori, Componenti Media e Bassa Tensione e Componenti per Fibra Ottica di Enel Distribuzione, “riguarda la sperimentazione di trasformatori di media e bassa tensione di ultima generazione, smart perché capaci di regolare in automatico la tensione ed equipaggiati con dispositivi per il monitoraggio della tensione da remoto. Una soluzione tecnologica non ancora sperimentata in Italia e il cui compito è di garantire in qualsiasi condizione di funzionamento il corretto profilo di tensione nella fornitura di elettricità ai clienti finali”.

Per valutare funzionalità e affidabilità di queste macchine, è stata avviata una sperimentazione in campo pianificando l'installazione di 32 trasformatori smart, due dei quali sono stati messi in servizio a novembre in Campania, nelle zone di Caserta e di Avellino. Gli altri, sono in corso di installazione e alcuni saranno riempiti con oli isolanti vegetali, diventando i primi Smart-EcoTransformers installati sulla rete elettrica.

“I nuovi trasformatori – aggiunge Flavio Mauri di Enel Distribuzione – rispetteranno gli standard di efficienza in termini di riduzione delle perdite di energia sulla rete secondo quanto previsto dalla direttiva europea Ecodesign mirata a ridurre le emissioni di CO2 . Inoltre tali componenti avranno caratteristiche aggiuntive rispetto a quanto richiesto dalla normativa UE in termini di flessibilità verso le nuove esigenze di rete e di sostenibilità ambientale”.

Enel è sempre alla ricerca di soluzioni innovative e sostenibili, sia nella generazione sia nella distribuzione. E in tema di trasformatori del futuro, il gruppo è impegnato, insieme ad altre grandi aziende del settore elettrico, nel progetto europeo Speed, che lavora alla realizzazione di prototipi di trasformatori basati sull'elettronica di potenza anziché sull’induzione magnetica. Una tecnologia le cui applicazioni pratiche potranno essere sperimentate nei prossimi anni.