Start-up, Enel con Invitalia Venture: energia per innovare

Pubblicato il giovedì, 30 giugno 2016

Smart grid, e-mobility, rinnovabili, efficienza energetica, IoT per la Smart Home. Sono questi gli ambiti legati al settore energetico su cui Enel punterà nell'ambito dell'adesione a l’Investor Network. Si tratta della rete di co-investitori promossa da Invitalia Venture, la SGR controllata da Invitalia, l'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo del sistema Paese . Una rete per la promozione di investimenti in start-up e innovazione, che oggi è formata da oltre 100 membri, di cui il 40% internazionali, e che gestisce a livello globale più di 15 miliardi di dollari di asset.

Aprirsi e fare sistema con altre aziende, piccole e grandi, ma anche con centri di ricerca e start-up per favorire sviluppo di innovazioni, in ambito energetico e non solo, rappresenta oggi per Enel una priorità strategia.

È per questo che ci siamo strutturati per innovare creando nuovi modelli di partnership e creando alleanze con gli attori del mercato pronti a mettersi in gioco. Perché da soli non si può essere realmente innovativi.


Grazie all'adesione a Invitalia Ventures, il cui obiettivo è dar vita a una piattaforma della Venture Industry italiana, generando un flusso di attività d'investimento (deal flow) trasversale per settore e aree geografiche, il nostro Gruppo metterà a disposizione le risorse del suo ecosistema, il fondo pubblico-privato offrirà quelle finanziarie. Insieme al network, lavoreremo infatti nella ricerca e selezione delle migliori start-up italiane in ambito energetico, che potranno così beneficiare del nostro supporto e di quello di Invitalia.


Riprendendo un modello consolidato e sperimentato nei mesi scorsi attraverso il progetto cofinanziato dalla UE dell'incubatore INCENSe, Enel rivestirà nell'ambito dell'iniziativa,  il ruolo di partner industriale mettendo a disposizione strutture e know how, mentre Invitalia Ventures offrirà supporto finanziario.
Un ulteriore esempio del concetto di Innovability, che darà forma a un sistema di open innovation in cui le migliori ventures abbiano tutto il necessario per scalare velocemente e diventare grandi aziende, capaci di  generare valore.


“Il nostro obiettivo è quello di favorire la nascita di una rete di aziende in grado di sviluppare le proprie capacità di innovare in settori chiave per Enel e in forte crescita come le energie rinnovabili, la mobilità elettrica, le smart grid, l’efficienza energetica e la home automation”, ha sottolineato Ernesto Ciorra, direttore Innovazione e Sostenibilità di Enel, commentando la sigla dell'accordo con Invitalia Ventures. Il settore energetico sta vivendo oggi una fase di forte rinnovamento, cambiando radicalmente i propri paradigmi e ha quindi la necessità di cogliere le opportunità offerte dallo sviluppo di segmenti innovativi legati all'energia e capaci di migliorare la vita delle persone.

“L'accordo con Invitalia Ventures – ha concluso Ciorra – rappresenta per le start-up un'opportunità per scegliere l’Italia come Paese in cui coltivare i propri sogni, con la possibilità di sviluppare i loro business negli oltre 30 Paesi in cui Enel già opera”.


E in tema di innovability ed equity crowfunding, il nostro Gruppo è tra i promotori di EquityStartUp, la piattaforma di equity crowdfunding promossa da AscomFidi Nord-Ovest presentata nei giorni scorsi a Milano.  In quest'ambito Enel ha lanciato il 20 giugno scorso una call per le start-up che sviluppano soluzioni legate al settore energetico. I vincitori saranno  accompagnati nella strutturazione di una campagna di equity crowdfunding su EquityStartUp e in un percorso di accelerazione per lo sviluppo del proprio business.