Futur-e: una risposta condivisa aperta al futuro

Pubblicato il martedì, 19 luglio 2016

"Perché una vecchia centrale elettrica non può generare nuove idee?". È la domanda con la quale Enel si rivolge agli italiani con la nuova campagna di comunicazione dedicata a Futur e. I 21 impianti termoelettrici non più in funzione interessati dal progetto di riqualificazione sono al centro di un programma che coinvolge comunità, imprese e istituzioni locali.

"Grazie al progetto Futur-e, le centrali elettriche di Enel non più funzionanti diventano opportunità per nuovi progetti e attraverso la loro riqualificazione generano occasioni di sviluppo per l'Italia" spiega la campagna ideata da Saatchi & Saatchi.

Dal lancio di Futur-e ad oggi, infatti, il calendario di eventi, incontri pubblici e tavoli tecnici è andato sempre più crescendo. Il dialogo con le imprese locali e investitori internazionali, con amministrazioni pubbliche e cittadini si è sviluppato nel corso dei mesi disegnando un nuovo modello di partecipazione aperta che  sta definendo un nuovo modello.

Dagli studenti della facoltà di Ingegneria di Bari ai partecipanti al concorso internazionale di idee di Alessandria è lungo l'elenco di chi ha accolto i vari inviti di Futur-e presentando progetti per dare un nuovo futuro ai vari siti coinvolti.

Ad oggi sono incorso le procedure pubbliche riguardanti le centrali di Montalto di Castro (Viterbo, Lazio), Porto Tolle (Rovigo, Veneto) e Rossano (Cosenza, Calabria). Proprio quest'ultima ha da pochi giorni chiuso con successo la fase di pre-qualificazione  Con ottimi risultati ed un interesse che ha superato ampiamente i confini nazionali.

Le proposte progettuali presentate per dare un futuro all'impianto di Rossano sono state numerose e hanno prospettato diverse soluzioni di riqualificazione e riutilizzo dell'area che affaccia sulla costa ionica. Le idee presentate in questa prima fase della procedura pubblica, avviata da Enel a marzo di quest'anno, vanno dalla creazione di centri ricettivi e di promozione del turismo a strutture di eccellenza per la ricerca scientifica come la biotecnologia e lo storage energetico, passando per idee legate alla valorizzazione e produzione delle eccellenze enogastronomiche locali.

"L'energia si apre a nuove strade. Percorriamole insieme" è il fil rouge che unisce la campagna di comunicazione di Futur-e a quelle lanciate per raccontare altre iniziative di Enel dedicate allo sviluppo dell'Italia come la banda ultra-larga.

La procedura in corso per l'impianto di Rossano e quelle di Montalto, Porto Tolle infatti non solo sono esplicative del modello scelto da Enel per individuare le nuove destinazioni d'uso dei siti interessati da Futur-e ma rispecchia la strategia Open Power disegnata dall'azienda per la sua crescita in Italia e nel mondo: un approccio aperto e innovativo che promuove la ricerca di soluzioni sostenibili a garanzia dello sviluppo locale e della creazione di valore condiviso per il territorio. Ed entro l'anno verrano lanciati altri Concorsi di Progetto su un altro gruppo di impianti che compongono i 21 siti di Enel da riqualificare.