Gli studenti del Politecnico di Bari alla scoperta di Futur-E

Pubblicato il martedì, 5 luglio 2016

Martedì 5 luglio la centrale Enel di Bari ha aperto le porte agli studenti del corso di Architettura e composizione architettonica II del Cdl Ingegneria edile architettura del Politecnico del capoluogo pugliese, primo momento di ascolto del processo di riqualificazione dell'impianto coinvolto nel progetto Futur-e.

L'occasione del coinvolgimento è stata data dal convegno "Città in movimento: rigenerazione urbana e aree industriali dismesse", organizzato da Enel insieme a Comune e Politecnico di Bari: una giornata di incontri e tavole rotonde dedicata alla riqualificazione dei siti industriali, alle linee programmatiche del Piano Urbanistico Generale (PUG) e alle proposte degli studenti del Politecnico sul futuro della centrale Enel.

A presentare il progetto Futur-e è stato Matteo Bettini PM di Bari e Rossano, con l'intervento di apertura della giornata previsto a partire dalle 10.

Il programma della giornata si è svolto poi con gli interventi di Stefano Stanghellini, professore ordinario di Estimo nell'Università IUAV di Venezia, sul tema "Gli obiettivi generali del PUG" e di Giuseppe Fragasso presidente della dell'Associazione Nazionale Costruttori Edili di Bari (ANCE), sul tema "Rigenerazione urbana: Le opportunità per le imprese".

Gli studenti del Politecnico di Bari hanno presentato la loro ricerca sulla riqualificazione del sito Enel nella tavola rotonda a partire dalle 11.40 alla quale è seguito l'intervento di Domenico Laforgia, capo dipartimento Sviluppo Economico della Regione Puglia, sul tema "Le Prospettive future per le strutture industriali dismesse in Puglia".

L'evento di Bari ha coinvolto coinvolge anche gli abitanti del capoluogo pugliese che, nel pomeriggio, sono stati invitati a intervenire nel dibattito pubblico dedicato a una discussione aperta sui progetti di riqualificazione proposti dagli studenti del Politecnico.