Quando la diversità è Bio

Pubblicato il giovedì, 7 luglio 2016

Proteggere e valorizzare gli habitat naturali lungo gli oltre 1,1 milioni di chilometri di rete elettrica gestita da Enel, attraverso e-distribuzione, così come tutte le aree interessate dalla presenza di impianti di generazione e altre infrastrutture energetiche.

La biodiversità è infatti un tema strategico della politica ambientale del nostro gruppo ed è parte integrante dei Sistemi di Gestione Ambientale (SGA). Sistemi che fin dal 2012 ottengono la conferma della certificazione ambientale ISO 1400 riconosciuta a tutte le Business Line e funzioni aziendali, inclusi i numerosi uffici civili presenti in Italia.

Un’attenzione che si concretizza in progetti e interventi realizzati e portati avanti da diversi anni a livello territoriale e attraverso il coinvolgimento di associazioni locali e ambientaliste.

Un impegno per il quale Enel può contare su testimonial d’eccezione, come le cicogne che da vent’anni tornano a nidificare sullo stesso traliccio, in località Termini al confine tra i comuni di Sala Consilina e Teggiano (provincia di Salerno). Cinque piccoli di cicogna sono infatti venuti nel nido posizionato sul palo della nostra infrastruttura di rete, la cui caratteristiche strutturali sono state studiate appositamente per agevolare le cicogne a ritrovare ogni anno la propria location ideale.

 Guarda il video 

Nel 2015, le attività di tutela delle specie e degli habitat naturali promosse da Enel nel mondo hanno riguardato 146 progetti, per un investimento di 8,7 milioni di euro, coinvolgendo una superficie complessiva di aree protette di 722.550 ettari.

In Italia questo impegno si è concretizzato nella realizzazione e proseguimento di 61 progetti su tutto il territorio nazionale. Di questi il 61 per cento sono volontari, ovvero non legati ad attività richieste da normative vigenti. Le iniziative promosse sono state valutate in base agli indicatori di sostenibilità relativi al tema della biodiversità definiti dal GRI, l'organizzazione internazionale indipendente che supporta le aziende a definire i parametri per la valutazione della sostenibilità el proprio business.

Lo scorso anno Enel ha predisposto e pubblicato la propria Policy di Biodiversità di Gruppo e ha proseguito nell’attuazione del piano di biodiversità, attraverso la tutela delle specie in via di estinzione in aree protette e in prossimità dei nostri impianti. Una strategia che, come spiega il Bilancio di Sostenibilità 2015, si pone in linea con gli obiettivi 14 e 15 di sviluppo sostenibili (SDG) delle nazioni unite, relativi rispettivamente alla conservazione e utilizzo sostenibile di oceani, mari e risorse marine e alla protezione degli ecosistemi terrestri e delle foreste, al contrato alla desertificazione, alla perdita di biodiversità.