Per i ragazzi di Copa Chilectra un tour magico nel paese del calcio

Pubblicato il martedì, 18 ottobre 2016

I piccoli campioni del più importante torneo studentesco del Cile, ospiti a Milano di Enel e dell'Inter, insieme all'ex centravanti nerazzurro Ivan Zamorano.

Come Alice nel paese delle meraviglie...ma in uno dei paesi che ha fatto la storia del pallone. Così si devono essere sentiti i giovanissimi giocatori dell'Independencia, la squadra che si è aggiudicata la Copa Chilectra 2016, il campionato interscolastico che da 15 anni si disputa tra le scuole dei 33 distretti di Santiago del Cile.

Per i vincitori del torneo, oltre alla coppa, anche un viaggio premio in Italia, che ha visto i ragazzi sbarcare a Milano ospiti dell'Inter e di Enel. Il nostro gruppo, attraverso la controllata Chilectra (operativa nella distribuzione di elettricità nella capitale cilena), sostiene da anni questo progetto di responsabilità sociale, che unisce sport e accesso all'energia grazie anche al supporto della Fondazione Ivan Zamorano, giocatore simbolo del Cile ed ex attaccante dell'Inter, e ai patrocini, tra gli altri, del Ministero dello Sport cileno e dell'UNICEF.

A guidare i ragazzi dell'Indipendencia, tutti under 15, tra il Duomo di Milano, il tempio di San Siro, gli uffici Enel e il Centro Facchetti, sede del vivaio dell'Inter, proprio l'ex centravanti nerazzurro “Bam-Bam” Zamorano. L'ex attaccante ha accompagnato domenica i piccoli campioni sulle tribune del Meazza in occasione della partita di serie A tra Inter e Cagliari, mentre nella giornata di lunedì è stato ospite con loro negli uffici milanesi di Enel. “Per i ragazzi essere a San Siro, in uno stadio bellissimo, è stata una grande emozione”, ha sottolineato, spiegando poi come Copa Chilectra rappresenti per tutti gli studenti delle scuole coinvolte nel torneo, una “chance di vita”. “L'obiettivo – ha aggiunto – è dare ai ragazzi un'opportunità nel calcio, ma non solo. La cosa veramente importante è farli crescere come persone. Speriamo di mantenere vivo l'evento nel tempo perché oggi questo campionato è una grande opportunità per i ragazzi del Cile e vogliamo crescere ancora. Lo scorso anno siamo andati a Madrid, adesso siamo a Milano. Ed è importantissimo che le imprese private ci sostengano in queste iniziative”.

Ad accompagnare Zamorano e i ragazzi nella sede Enel, Nicola Cotugno, country manager dell'azienda in Cile, che ha sottolineato la centralità del progetto sostenuto dal nostro gruppo: “La Copa Chilectra ha una tradizione di quindici anni. Per noi ha un valore importante per il contatto con la comunità: abbiamo risanato e illuminato molte zone della città di Santiago e campi da gioco che fanno da aggregatori per le famiglie. Diffondiamo i valori dello sport anche in quartieri difficili, dove questo evento è per i ragazzi un'opportunità di vita. Ci sono centomila giovani che hanno giocato questo torneo”.

Copa Chilectra è diventato negli anni un trofeo molto seguito a Santiago e in tutto il Cile. Un evento di aggregazione e superamento delle diversità, incluse quelle di genere, dal momento che si disputa sia il torneo maschile sia quello femminile. Un aggregatore per i ragazzi e una vetrina per i giovani talenti: il campionato si è trasformato infatti in un vero e proprio vivaio per la prima divisione del paese sudamericano.

Il viaggio dei piccoli campioni dell'Indepedencia, si concluderà oggi, con la possibilità di mettere in mostra le proprie abilità calcistiche e agonistiche, scendendo in campo al Centro Facchetti contro i ragazzi del vivaio nerazzurro.