ENEL: IL CDA ESAMINA I DATI PRELIMINARI CONSOLIDATI 2002. FATTURATO E EBITDA STABILI

Published on giovedì, 30 gennaio 2003

Roma, 30 gennaio 2003 – Il Consiglio di Amministrazione dell’Enel, riunitosi oggi sotto la presidenza di Piero Gnudi, ha esaminato i risultati consolidati preliminari di gestione relativi all’esercizio 2002. Il confronto è stato effettuato con i dati economici del 2001 proformati, che considerano Infostrada per l’intero anno ed escludono Eurogen a partire dal 1° luglio ed Elettrogen e Valgen per l’intero anno. Nel 2002, Enel ha prodotto in Italia circa 145 TWh, in linea con il 2001 proforma. Nell’anno Enel ha venduto energia per un ammontare pari a circa 194 TWh (206 TWh nel 2001). Di questi, circa 30 TWh sono stati venduti sul mercato libero. L’energia trasportata sulla rete Enel, comprensiva di quella ceduta ad altri distributori, è stata pari a circa 257 TWh (256 nel 2001 proforma). I ricavi ammontano a circa 30 miliardi di euro, in linea con i 29,7 miliardi del 2001. L’ebitda (margine operativo lordo) si attesta a oltre 7,8 miliardi di euro a fronte degli 8 miliardi dell’esercizio precedente. La leggera variazione deriva da un impatto negativo apportato dal quadro regolatorio e dal blocco tariffario, impatto quasi interamente bilanciato dalla continua azione di contenimento dei costi e dal contributo positivo di Wind che ha accresciuto significativamente il proprio ebitda. L’indebitamento finanziario netto a fine anno è pari a circa 24,5 miliardi di euro (21,9 miliardi di euro a fine 2001). L’incremento rispetto all’esercizio precedente è essenzialmente dovuto ai maggiori investimenti tecnici in impianti, ed alla distribuzione di dividendi per 2,2 miliardi di euro. Tale valore di indebitamento netto non tiene conto dell’incasso relativo alla dismissione di Interpower finalizzata ieri. La consistenza del personale a fine 2002, nonostante l’incremento di circa 1.600 unità dovuto alle variazioni di perimetro avvenute in corso d’anno, si attesta a 71.188 unità (72.661 a valori storici di fine 2001). Di questi, 8.586 fanno capo a Wind (rispetto agli 8.428 di fine 2001).
Economico | gennaio, 30 2003

305973-1_PDF-1.pdf

PDF (0.01MB)DOWNLOAD