ENEL: NUOVO CAMPO EOLICO A CALTABELLOTTA (AG) 10 AEROGENERATORI PER UNA POTENZA DI 7,5 MW

Published on mercoledì, 21 maggio 2003

E’ il primo passo di un vasto piano di investimenti nell’ energia rinnovabile: un miliardo di euro nei prossimi tre anni, di cui 220 milioni in Sicilia. La società si conferma così leader mondiale del settore

Caltabellotta (Ag), 17 maggio 2003 –

E’ stato inaugurato oggi alla presenza del responsabile della divisione Generazione ed Energy Management di Enel, Antonino Craparotta e delle autorità locali un nuovo impianto eolico a Caltabellotta (Ag), in località Gran Montagna. E’ composto da 10 aerogeneratori di ultima generazione a basso impatto ambientale, in particolare per quanto riguarda la rumorosità. L’inserimento nel paesaggio è stato studiato con particolare cura, in collaborazione con gli esperti dell’Università di Catania. La potenza complessiva del nuovo impianto è di 7,5 MW e ha comportato un investimento di circa 7 milioni di euro.

E’ il primo passo di un vasto piano di sviluppo delle energie da fonti rinnovabili (idrico, eolico, geotermico, fotovoltaico, biomasse) di Enel. Il piano prevede investimenti per un miliardo di euro in tre anni, dei quali 220 milioni in Sicilia, confermando il ruolo di Enel come leader nella produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, non solo in Italia, ma anche a livello mondiale. La società è infatti al primo posto in questo settore anche nel Nord America e in America Latina, ed ha una significativa presenza in Spagna con una potenza installata globale - relativamente agli impianti rinnovabili - di circa 16.000 MW.

I lavori di realizzazione dell’impianto sono stati affidati ad aziende locali; la produzione sarà sufficiente a soddisfare il fabbisogno di elettricità di 7.000 famiglie ed eviterà l’immissione in atmosfera di 10.000 tonnellate l’anno di anidride carbonica.

Enel ha una presenza storica nell’isola, dove gestisce quattro grandi centrali termoelettriche per 2.200 MW, una trentina di impianti di energia rinnovabile per circa 700 MW, una vasta rete di trasmissione e distribuzione, call center di Wind e altre attività con un totale di 5.700 occupati.

Nel settore dell’energia ricavata dal vento, Enel ha già avviato in Sicilia, oltre a quello di Caltabellotta, due campi eolici di potenza analoga a Sclafani Bagni (Pa) e a Carlentini (Ct). Enel gestisce anche 15 centrali idrolettriche e 8 impianti fotovoltaici, ultimo in ordine di tempo quello che ha risolto il problema dell’elettricità a Ginostra, nell’Isola di Stromboli (Me).

Sempre nell’eolico, energia per la quale la Sicilia ha una forte vocazione naturale, Enel ha cantieri in avviamento per un grande campo a Nicosia (En) per 46,8 MW, e impianti in costruzione nel secondo polo di Sclafani per 39,1 MW. In tutto 86,9 MW con un investimento di 85 milioni di euro. I prossimi cantieri ad essere avviati, non appena sarà concluso l’iter autorizzativo, che si trova in una fase avanzata, saranno quelli nel polo di Sclafani per 28 MW, nel polo di Nicosia per 27,2 MW e nel secondo polo di Carlentini per 14,4 MW. In tutto altri 69,6 MW con un investimento ulteriore di 70 milioni di euro.

Complessivamente, una volta completato il piano Enel, la Sicilia disporrà di 220 MW di nuova capacità nell’energia rinnovabile che, aggiunti ai circa 700 già esistenti, ne faranno una delle regioni del centro-sud più avanzate in questo campo.

 

Generale | maggio, 21 2003

464971-1_PDF-1.pdf

PDF (0.04MB)DOWNLOAD