BG GROUP ED ENEL PARTNER PARITETICI NEL PROGETTO DEL NUOVO RIGASSIFICATORE DI BRINDISI

Published on giovedì, 12 giugno 2003

Roma, 12 giugno 2003 –

Il consiglio di amministrazione di Enel ha approvato l’accordo in base al quale Enel acquisterà dalla società inglese BG Group (BG) una quota del 50% nella Brindisi LNG, società (attualmente controllata al 100% dalla BG) che realizzerà e gestirà un terminale per l’importazione in Italia di gas naturale liquefatto.

Tale operazione comporterà per Enel un onere iniziale di circa 10,9 milioni di euro, relativo all’acquisto della quota di partecipazione nella Brindisi LNG e basato sui costi di sviluppo del progetto a oggi, mentre i successivi costi di sviluppo del progetto medesimo verranno ripartiti pariteticamente tra Enel e BG. Il closing dell’operazione è previsto per il prossimo 24 giugno e nella stessa data verranno rinnovate le cariche sociali della Brindisi LNG.

Il progetto prevede la costruzione nell’area portuale di Brindisi di un terminale di rigassificazione del gas naturale liquefatto. L’impianto, per la cui realizzazione è previsto un investimento di 390 milioni di euro, avrà una capacità di rigassificazione pari a 8 miliardi di metri cubi di gas all’anno. I lavori di costruzione verranno avviati nel 2004 e saranno completati nel 2007. Enel e BG si divideranno in parti uguali l’80% della capacità del terminale, mentre il restante 20% sarà soggetto all’accesso regolamentato da parte di terzi, secondo l’attuale normativa.

L’autorizzazione a costruire e gestire il terminale è stata rilasciata lo scorso gennaio alla BG dalle Autorità competenti, così come è già stato firmato a febbraio con l’Autorità Portuale di Brindisi l’accordo sostitutivo di concessione demaniale.

Il progetto di Brindisi è nella lista delle priorità infrastrutturali strategiche sia del Governo Italiano che dell’Unione Europea.

Economico | giugno, 12 2003

491158-1_PDF-1.pdf

PDF (0.02MB)DOWNLOAD