IL CDA ESAMINA I DATI PRELIMINARI CONSOLIDATI 2003. RISULTATO OPERATIVO IN FORTE CRESCITA: EBITDA + 27%

Published on martedì, 27 gennaio 2004

Scaroni: prevedo ulteriori miglioramenti nel 2004.

Roma, 27 gennaio 2004 – Il Consiglio di Amministrazione dell’Enel, riunitosi oggi sotto la presidenza di Piero Gnudi, ha esaminato i risultati consolidati preliminari di gestione relativi all’esercizio 2003.

Il confronto è stato effettuato con i dati economici del 2002 proforma che non considerano i risultati Eurogen (ceduta il 31 maggio 2002) e di Interpower, esclusa dal perimetro di consolidamento con effetto 1° gennaio 2003.

I ricavi ammontano a oltre 31 miliardi di euro, in crescita del 3,5% rispetto ai 30,5 miliardi di euro del 2002.

L’ebitda (margine operativo lordo) si attesta a oltre 9,8 miliardi di euro, in crescita del 27% rispetto ai 7,7 miliardi di euro dell’esercizio precedente. Tale risultato comprende il rimborso della penale idro 2002 per 410 milioni di euro.

L’indebitamento finanziario netto a fine anno è pari a circa 24,3 miliardi di euro (24,5 miliardi di euro a fine 2002).

La consistenza del personale a fine 2003 si attesta a 64.764 unità (70.324 a fine 2002).

                                                                     ***

Commentando i risultati operativi del 2003, l’amministratore delegato Paolo Scaroni ha detto: “Siamo soddisfatti dei risultati preliminari del 2003. In considerazione del favorevole andamento della domanda di energia elettrica e del gas e dei continui progressi nel contenimento dei costi e nell’efficienza, prevediamo ulteriori miglioramenti nel 2004”.

                                                                     ***

Nel 2003, Enel ha prodotto in Italia circa 138 TWh (131 TWh nel 2002). Nell’anno Enel ha distribuito energia sulla propria rete per 244 TWh (242 TWh nel 2002) e venduto energia per un ammontare pari a circa 152 TWh (181 TWh nel 2002).

                                                                     ***

Il Consiglio di Amministrazione ha autorizzato l’avvio della procedura per l’emissione di 500/1.000 milioni di euro di obbligazioni destinate al pubblico dei risparmiatori.

A questo proposito, l’amministratore delegato Paolo Scaroni ha sottolineato come “dopo molti anni Enel torna sul mercato con un’obbligazione che offre ai risparmiatori italiani un’occasione per arricchire il loro portafoglio con un titolo che gode di uno dei migliori rating oggi disponibili”.

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre deliberato l’emissione, in una o più tranches, di un prestito obbligazionario denominato in euro o in altra valuta da collocare presso investitori istituzionali entro il 30 giugno 2004, per un importo complessivo pari al controvalore di 1,5 miliardi di euro.

Il Consiglio di Amministrazione ha demandato all’Amministratore Delegato la definizione degli importi, delle valute, dei tempi e delle caratteristiche dell’emissione deliberata, nonché la facoltà di richiederne l’eventuale quotazione presso la Borsa Italiana e/o presso Borse estere. Inoltre, ha deliberato l’aumento da 1,5 a 2,5 miliardi di euro del plafond relativo al programma di emissione di commercial paper della controllata olandese Enel Investment Holding BV.

                                                                    ***

Il nuovo sistema tariffario per il trasporto e la distribuzione di energia elettrica per il periodo regolatorio 2004-2007, in via di definizione da parte dell’Autorità di settore, sarà oggetto di un apposito comunicato e di una successiva conference call con la comunità finanziaria, una volta definitivamente approvato.

Economico | gennaio, 27 2004

759954-1_PDF-1.pdf

PDF (0.12MB)DOWNLOAD