UN MILIARDO DI EURO DI OBBLIGAZIONI ENEL PER I RISPARMIATORI ITALIANI

Published on giovedì, 10 febbraio 2005

* Tornano dopo 12 anni le obbligazioni Enel dedicate esclusivamente ai risparmiatori italiani: lotto minimo 5.000 euro, durata 7 anni.
* Si può scegliere il tasso fisso o variabile con rendimenti facili da calcolare perché legati, ciascuno,  a un solo tasso di riferimento.
* Non ci sono spese né commissioni di sottoscrizione. I titoli godranno dell’elevato rating di Enel e presenteranno un grado di liquidità che ne faciliterà le negoziazioni sul mercato secondario.


Roma, 10 febbraio 2005 – La Consob ha dato il proprio nulla osta alla pubblicazione del Prospetto informativo relativo all’emissione delle obbligazioni Enel riservate ai risparmiatori italiani, per un valore complessivo massimo di un miliardo di euro. Tornano dopo 12 anni le obbligazioni Enel, i titoli che storicamente hanno contribuito a formare, in virtù delle loro caratteristiche, il portafoglio delle famiglie italiane. La Società gode di un elevato merito di credito, certificato da ratings a livelli di assoluta eccellenza (A+ da Standard & Poor’s, con prospettiva stabile; A1 da Moody’s, con prospettiva stabile). L’operazione è stata deliberata dal Consiglio di Amministrazione di Enel del 28 luglio 2004. I fondi verranno utilizzati dalla Società per soddisfare le esigenze della gestione operativa generale del Gruppo e per il rifinanziamento del proprio debito.


Periodo d’offerta e lotto minimo

L’Offerta si svolgerà dal 28 febbraio al 18 marzo 2005, salvo chiusura anticipata, che non potrà comunque avvenire prima del quinto giorno dall’inizio dell’Offerta. Si potranno sottoscrivere presso il proprio intermediario obbligazioni Enel a tasso fisso o variabile con un investimento minimo, per ciascuna tranche, di 5.000 euro, pari a 5 obbligazioni del valore nominale di 1.000 euro ciascuna.


Durata, trasparenza e flessibilità

La durata di entrambi i titoli, sia di quello a tasso fisso che di quello a tasso variabile, è di 7 anni (scadenza marzo 2012). Il capitale verrà rimborsato interamente alla scadenza del prestito. Il risparmiatore potrà comunque negoziare le obbligazioni, anche in tagli da nominali 1.000 euro, in qualsiasi momento ai prezzi di mercato, dato che esse saranno quotate sul Mercato Obbligazionario Telematico (MOT) organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., ed il relativo andamento sarà quindi consultabile quotidianamente sui giornali specializzati e su internet. Le due emissioni hanno ottenuto il rating di A+ da Standard & Poor’s ed A1 da Moody’s, in linea con il rating attribuito dalle due agenzie al debito a medio e lungo termine di Enel.


Rendimenti e regime fiscale

I rendimenti sono legati ciascuno a un solo tasso di riferimento e sono facili da calcolare. L’adesione all’offerta non comporterà alcuna spesa o commissione di sottoscrizione. Il rendimento definitivo delle obbligazioni si intende al lordo della imposizione fiscale vigente al momento del pagamento della cedola. Oggi è del 12,5%.


Tasso fisso

Il rendimento dell’obbligazione a tasso fisso sarà calcolato sommando al tasso swap a 7 anni, rilevato alla conclusione dell’Offerta, un ulteriore margine di rendimento che verrà definito anch’esso al termine del periodo d’Offerta. Detto margine di rendimento sarà compreso nell’ambito di un intervallo di 10 punti base che sarà reso noto entro il giorno antecedente l’inizio del periodo dell’offerta. Il rendimento complessivo sarà comunicato entro 5 giorni dalla conclusione dell’Offerta con un avviso sul quotidiano Il Sole 24 ore e/o MF.
Nel periodo che va dal 1° gennaio 2004 ad oggi il tasso swap a 7 anni ha registrato un valore minimo del 3,2593% e uno massimo del 4,213%; nella giornata di ieri il tasso swap a 7 anni era pari al  3,2593%.
I rendimenti saranno corrisposti agli obbligazionisti tramite cedole annuali.


Tasso variabile

Per tutta la durata del prestito, il rendimento sarà indicizzato al tasso Euribor a 6 mesi maggiorato di un ulteriore margine di rendimento che verrà definito al termine del periodo d’Offerta. Detto margine di rendimento sarà compreso nell’ambito di un intervallo di 10 punti base che sarà reso noto entro il giorno antecedente l’inizio del periodo dell’offerta. Il tutto sarà calcolato per i giorni effettivi del periodo di interessi. Il tasso complessivo del primo periodo di interessi sarà comunicato entro 5 giorni dalla conclusione dell’Offerta con un avviso sul quotidiano Il Sole 24 ore e/o MF. 
Nel periodo che va dal 1° gennaio 2004 ad oggi il tasso Euribor a 6 mesi ha avuto un valore minimo dell’1,923% e uno massimo del 2,239%; nella giornata di ieri l’Euribor a 6 mesi è stato fissato al 2,181%.
I rendimenti saranno corrisposti agli obbligazionisti tramite cedole semestrali.

Riparto ed ammontare di ciascuna delle tranches

L’importo delle singole tranches, che non potrà essere inferiore a 250 milioni di Euro, verrà stabilito a conclusione del periodo di sottoscrizione tenendo conto della distribuzione per tranche della domanda dei risparmiatori. Al fine di garantire la necessaria liquidità ai titoli, i responsabili del collocamento, d’intesa con Enel si riservano il diritto di non procedere all’emissione di una delle due tranches nell’ipotesi in cui le relative domande di sottoscrizione non dovessero raggiungere il predetto limite di 250 milioni di Euro.
Qualora le obbligazioni richieste fossero superiori all’ammontare oggetto dell’offerta si procederà ad assegnare le obbligazioni mediante riparto.


Consorzio di garanzia e collocamento

Enel ha affidato a Banca Caboto (Gruppo Banca Intesa) e a Banca IMI (Gruppo S. Paolo IMI)  il ruolo di capofila del Consorzio di garanzia e collocamento. E’ stato inoltre formato un Comitato di Direzione formato da: Banca Akros (Gruppo Banca Popolare di Milano), Banca Nazionale del Lavoro, Centrobanca (gruppo Banche Popolari Unite), Crediop Dexia. Al consorzio di collocamento verranno invitate a partecipare tutte le principali banche italiane e le reti di vendita di prodotti finanziari. 

Economico | febbraio, 10 2005

1181352-1_PDF-1.pdf

PDF (0.11MB)DOWNLOAD