ACCORDO TRA ENEL E F2i PER SVILUPPARE PROGETTI DI STOCCAGGIO DI GAS NATURALE IN ITALIA

Published on venerdì, 26 settembre 2008

  • Enel, attraverso la sua controllata Enel Trade, ha ceduto a F2i (“Fondi Italiani per le Infrastrutture”), il 49% di Enel Stoccaggi S.r.l., società costituita per la realizzazione e l’esercizio di un campo di stoccaggio di gas naturale a Romanengo (Cremona).
  • Entrerà in servizio nel 2012 e avrà una capacità di stoccaggio di 300 milioni di metri cubi.
  • Contribuirà a migliorare la sicurezza e la flessibilità del sistema nazionale del gas e a rafforzare il ruolo di Enel come player fondamentale in questo settore.

Roma, 26 settembre 2008 - In attuazione dell’accordo sottoscritto in data odierna, Enel Trade SpA (“Enel Trade”) ha ceduto il 49% di Enel Stoccaggi S.r.l. (“Enel Stoccaggi”), società costituita da Enel Trade il 19 settembre 2008, a Fondi Italiani per le Infrastrutture – Società di Gestione del Risparmio (di seguito, “F2i”), in nome, per conto e quale società di gestione del fondo mobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati denominato “ Fondo Italiano per le Infrastrutture”. Il corrispettivo per la cessione della quota del 49% della società è stato stabilito in 6,2 milioni di euro circa.

Enel Trade era risultata assegnataria del progetto di conversione a stoccaggio del campo di Romanengo a seguito della gara indetta il 26 Settembre 2006 dal Ministero dello Sviluppo Economico per l’assegnazione di nuove concessioni di stoccaggio di gas naturale. Enel Stoccaggi continuerà l’iter tecnico-amministrativo avviato da Enel Trade.

La concessione relativa al campo di Romanengo verrà conferita a Enel Stoccaggi dopo l’ottenimento del parere favorevole di VIA rilasciata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. In base al D.Lgs 164/2000 la concessione di stoccaggio avrà durata ventennale e sarà prorogabile per due periodi di dieci anni ciascuno.

La Final Investment Decision, prevista a valle del rilascio della Concessione, comporterà l’avvio delle attività di Engineering Procurement Construction (“EPC”) per la realizzazione di tutte le infrastrutture di superficie connesse con il giacimento.

Il progetto di conversione del campo di Romanengo prevede una capacità di stoccaggio di circa 300 milioni di metri cubi e l’entrata in servizio nel 2012.
La realizzazione di questa nuova capacità di stoccaggio rappresenta un importante contributo alla sicurezza e alla flessibilità del sistema gas in Italia, consentendo una più ampia copertura delle esigenze di modulazione del gas per i settori termoelettrico, industriale e residenziale. Inoltre, rafforza il ruolo di Enel come player fondamentale in ognuno di questi segmenti e si aggiungerà a un portafoglio di contratti di fornitura di oltre 13 miliardi di metri cubi all’anno e alle altre importanti iniziative di sviluppo nell’up/midstream della filiera gas.

Gli accordi societari stipulati tra Enel Trade e F2i contemplano l’obbligo di non trasferire le partecipazioni possedute nella Enel Stoccaggi S.r.l. per un periodo di almeno 5 anni e che il Consiglio di amministrazione sia composto da cinque membri, dei quali tre designati da Enel Trade (tra i quali l’amministratore delegato) e due da F2i (tra i quali il Presidente).

Generale | settembre, 26 2008

1577221-1_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD