ENEL: COMPLETATA LA RISTRUTTURAZIONE DELLA CENTRALE BULGARA MARITZA EAST 3

Published on martedì, 19 maggio 2009

- Con il completamento della ristrutturazione, la capacità dell’impianto è stata aumentata da 840 MW a 908 MW, con un’estensione della vita operativa della centrale di ulteriori 15 anni.

Mednikarovo, 19 Maggio 2009 – Enel, insieme al partner bulgaro NEK, ha inaugurato oggi il completamento dell’opera di ristrutturazione della centrale termoelettrica Maritza East 3.

L’ammodernamento e l’ambientalizzazione dell’impianto costituiscono il primo grande progetto di investimento in infrastrutture energetiche realizzato nell’Europa sud orientale senza ricorso al sostegno di garanzie statali. Grazie all’intervento di Enel, Maritza East 3 è oggi l’unica centrale alimentata a lignite nell’area dei Balcani in grado di operare nel pieno rispetto dei più avanzati standard ambientali introdotti dall’Unione europea.

Il vecchio impianto costruito 28 anni fa a seguito della ristrutturazione aumenta la capacità da 840 MW a 908 MW, con un’estensione della vita operativa di ulteriori 15 anni.

Alla cerimonia di inaugurazione della nuova centrale hanno partecipato tra gli altri il ministro per l’Economia e l’Energia Petar Dimitrov, il presidente dell’Enel Piero Gnudi, il direttore della divisione Internazionale Carlo Tamburi, il direttore della divisione Ingegneria e Innovazione Livio Vido, l’Ambasciatore italiano a Sofia Stefano Benazzo.

Il presidente di Enel Piero Gnudi ha commentato: “Oggi è stato completato con successo uno dei più rilevanti investimenti mai effettuati in campo energetico nell’Europa sud orientale senza il ricorso alla garanzia pubblica. Grazie all’impegno congiunto con NEK, l’impianto Enel di Maritza East 3 è oggi l’unico impianto alimentato a lignite dei Balcani in grado di rispettare le più stringenti norme ambientali introdotte dall’Unione europea. Il completamento di questo progetto è un importante passo in avanti verso più avanzati sistemi di generazione a carbone pulito, e costituisce un prezioso contributo nella direzione di un modello di sviluppo sostenibile”.

Il progetto di ammodernamento della centrale Maritza East 3 è stato terminato con gli interventi effettuati sul gruppo 4 nel febbraio scorso, in anticipo di oltre un mese rispetto a quanto programmato. Enel ha investito oltre 700 milioni di euro, 160 dei quali sono stati dedicati alla riduzione dell’impatto ambientale. In particolare, sono stati aggiunti due nuovi desolforatori (FDGs) in grado di abbattere le emissioni di SO2 di oltre il 94%; è stato costruito un nuovo sistema di gestione delle acque che permette di ridurre i consumi di oltre il 50%, e sono stati installati gli unici due impianti di depurazione delle acque operativi in tutta l’area di Stara Zagora; infine, i nuovi sistemi di filtratura montati nel nuovo impianto permettono di abbattere le polveri del 99,8%.

Generale | maggio, 19 2009

1612358-1_PDF-1.pdf

PDF (0.05MB)DOWNLOAD