ENEL E REGIONE SICILIANA: FIRMATO PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO ENERGETICO NELL ISOLA

Published on giovedì, 6 agosto 2009

¿ La Regione emette il decreto autorizzativo per la costruzione ed esercizio del rigassificatore di Porto Empedocle (investimento, 650 milioni di euro) che recepisce l’accordo che definisce importanti misure a favore del territorio. ¿ Enel e Regione collaboreranno per lo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili e per la realizzazione di progetti innovativi, perseguendo la tempestività degli iter autorizzativi. Previsti nuovi impianti per 400 MW di energia verde nei prossimi 4 anni (investimento, 1 miliardo di euro). ¿ Enel migliorerà la qualità e la compatibilità ambientale delle centrali termoelettriche in Sicilia (investimento, 70 milioni di euro).

Palermo, 6 agosto 2009 – Il Presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel Fulvio Conti hanno firmato oggi un protocollo d’intesa per lo sviluppo del settore energetico nell’isola, al fine di produrre più energia, a minor costo e a basso impatto ambientale. Il protocollo dedica particolare attenzione alla diversificazione delle fonti energetiche, con l’incremento di quelle rinnovabili; alla sicurezza degli approvvigionamenti, con progetti infrastrutturali; e agli investimenti in nuove tecnologie, ricerca e innovazione.

“Enel, in linea con il Piano Energetico Ambientale Regionale Siciliano – ha affermato l’Amministratore Delegato Fulvio Conti – intende rafforzare la propria presenza in Sicilia, migliorando l’efficienza e la compatibilità ambientale degli impianti esistenti, aumentando la produzione di energia da fonti rinnovabili e promuovendo nuovi investimenti e progetti industriali, in particolare quello del rigassificatore di Porto Empedocle (Agrigento). Tali progetti costituiranno opportunità di crescita, di innovazione e di sviluppo sostenibile del territorio e ne rafforzeranno il tessuto produttivo, occupazionale e sociale”.

Il protocollo siglato oggi prevede un Accordo Quadro e tre accordi specifici: sul progetto del rigassificatore di Porto Empedocle, sul miglioramento della qualità ambientale degli impianti termoelettrici Enel in Sicilia e sulla promozione e la realizzazione di progetti innovativi per sviluppare la produzione da fonti rinnovabili nell’isola.

Enel e Regione Sicilia daranno vita a un gruppo di lavoro congiunto che coordinerà e monitorerà gli interventi concordati.

Rigassificatore di Porto Empedocle

A seguito dell’accordo raggiunto, la Regione Siciliana ha emesso il decreto autorizzativo per la costruzione ed esercizio del terminale, sulla base del parere favorevole definitivo espresso dalla Conferenza dei servizi.

Per il progetto del terminale di rigassificazione di GNL (Gas Naturale Liquefatto) di Porto Empedocle, sviluppato da Enel attraverso la società Nuove Energie e per il quale è previsto un investimento di circa 650 milioni euro, è stato definito un accordo che prevede importanti misure a favore del territorio provinciale, oltre a quanto già definito nella convenzione sottoscritta con il Comune di Porto Empedocle nello scorso gennaio.

In particolare, l’accordo prevede ulteriori interventi infrastrutturali quali la realizzazione di una nuova banchina per navi da crociera, la riqualificazione dell’illuminazione della Valle dei Templi, miglioramenti della viabilità, la disponibilità di acqua potabile ed industriale a titolo gratuito a partire dall’entrata in esercizio del terminale, un sistema di monitoraggio ambientale nell’area, interventi di messa a verde delle zone circostanti l’impianto e la partecipazione all’allestimento del Museo del Mare a Porto Empedocle. L’accordo prevede poi un importante contributo economico (2,5 milioni di euro l’anno), correlato al funzionamento dell’impianto, anch’esso destinato a interventi socio-economici e ambientali.

Complessivamente, considerati anche gli impegni della convenzione sottoscritta con il Comune di Porto Empedocle, il valore delle misure economiche e strutturali stanziate da Enel a favore del territorio è valutabile in circa 50 milioni di euro, cui si aggiungono circa 6 milioni di euro l’anno per tutta la vita dell’impianto.

Qualità ambientale degli impianti Enel in Sicilia

Enel è presente in Sicilia con 5 centrali termoelettriche (per una potenza complessiva di 2.486 MW) e 9 centrali idroelettriche (per una potenza complessiva di 713,5 MW), che rispettano attualmente i limiti di emissione di legge. Enel si impegna comunque a investire, per il quinquennio 2009-2013, circa 70 milioni di euro per il mantenimento in piena efficienza degli impianti, con lo scopo di migliorarne la qualità e la compatibilità ambientale.

Promozione delle fonti rinnovabili e progetti innovativi nella Regione

La Regione Siciliana e Enel si impegnano a collaborare per cogliere tutte le nuove opportunità di sviluppo nella produzione di energia da fonti rinnovabili, con l’utilizzo anche di nuove tecnologie. In questo quadro, verranno studiati specifici piani di intervento per l’ammodernamento tecnologico degli edifici pubblici con l’introduzione del fotovoltaico e del minieolico e con interventi strutturali per l’ottimizzazione energetica.

Enel prevede di incrementare per almeno 400 MW nei prossimi quattro anni la produzione di energia da fonti rinnovabili, attraverso nuovi impianti eolici e solari. L’investimento previsto è di circa 1 miliardo di euro. Per supportare tali progetti, la Regione Siciliana si impegna a espletare celermente gli iter autorizzativi di competenza.
Enel perseguirà anche lo sviluppo del rinnovabile distribuito (fotovoltaico e minieolico) attraverso un potenziamento della già presente rete di franchising ENEL SI in Sicilia.

La Regione, inoltre, sosterrà lo sviluppo del Centro di eccellenza per la sperimentazione delle tecnologie solari innovative di Enel a Catania, promuovendo la collaborazione con le strutture universitarie di ricerca dell’isola e con l’imprenditoria locale, e favorirà le attività di sperimentazione legate al progetto solare termodinamico “Archimede”, in fase di realizzazione a Priolo Gargallo (Siracusa), per verificare la possibilità di un’eventuale replica in altri siti.

Enel è inoltre impegnata a promuovere la realizzazione a Catania di uno stabilimento per la produzione di pannelli fotovoltaici ad alta tecnologia, in partnership con leader di settore a livello nazionale e internazionale (STMicrolectronics e Sharp).

Economico | agosto, 06 2009

1619401-2_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD