PIU CAPACITA GEOTERMICA PER ENEL GREEN POWER CON LAGONI ROSSI

Published on venerdì, 4 dicembre 2009

A Larderello aumenta la potenza installata di altri 12 MW megawatt. La centrale di Lagoni Rossi sarà in grado di produrre 100 milioni di chilowattora all’anno – i consumi di 40 mila famiglie - evitando l’emissione di 75 mila tonnellate di CO2, oltre a un risparmio di combustibili fossili per 23 mila TEP Il progetto è espressione del know how di assoluta eccellenza detenuto da Enel Green Power in campo geotermico, primato riconosciuto a livello mondiale

Roma 4 dicembre 2009 - E’ stata messa in marcia la centrale Nuova Lagoni Rossi, che aggiunge 12 MW alla capacità installata geotermica nell’area di Larderello di Enel Green Power, la Società di Enel interamente dedicata allo sviluppo e gestione delle fonti rinnovabili.

A regime, sarà in grado di produrre circa 100 milioni di chilowattora all’anno, corrispondenti ai consumi di 40 mila famiglie - la metà degli abitanti della città di Pisa - e di evitare ogni anno l’emissione in atmosfera di circa 75 mila tonnellate di CO2, oltre a un risparmio di combustibili fossili per 23 mila tonnellate equivalenti di petrolio (TEP).

Il progetto è espressione del know how di assoluta eccellenza detenuto da Enel Green Power in campo geotermico, maturato in oltre cento anni di sviluppo ed esercizio in Italia. Il progetto, realizzato dalle strutture interne di ingegneria di Enel Green Power, ha elementi innovativi che pongono l’impianto al top dell’attuale sviluppo tecnologico per questa categoria di impianti. La centrale rispetta i migliori standard ambientali e di inserimento paesaggistico ed è inoltre dotata di un innovativo sistema di telesupervisione e telediagnostica che consente il completo controllo a distanza del gruppo e la prevenzione di eventuali anomalie di funzionamento.

In Toscana, Enel Green Power - la Società di Enel dedicata alle rinnovabili, leader europeo di settore con una produzione di oltre 17 miliardi di kWh – dispone, con l’entrata in operazione dei due nuovi impianti Sasso 2 e Lagoni Rossi, di una potenza installata geotermica di circa 842 MW, che pone la regione al primo posto in Europa. Le 32 centrali geotermiche, con una produzione di oltre 5 miliardi di KWh, coprono un quarto dei consumi energetici regionali  e soddisfano il fabbisogno di elettricità di 2 milioni di famiglie, consentendo un risparmio di 1,1 milioni di  tonnellate equivalenti di petrolio (TEP). 

Numeri destinati a crescere a seguito dell’accordo con la Regione Toscana per lo sviluppo sostenibile della coltivazione geotermica, il miglioramento delle tecnologie per l’estrazione del vapore, la valorizzazione dei territori che ospitano i giacimenti e la tutela dell’ambiente.

Enel Green Power applica in Toscana le più moderne tecnologie e prevede un importante potenziale di crescita, fino a ulteriori 200 MW. La società crede concretamente nell’ulteriore sviluppo della geotermia nella zona con robusti investimenti in progetti e piani di ricerca ed innovazione tecnologica.

Infine, con il progetto “Geotermia Innovativa”, Enel Green Power punta a rendere utilizzabili campi ancora non sfruttati e a integrare le risorse geotermiche a bassa temperatura con altre fonti rinnovabili, in particolare con l’energia solare e la biomassa.
Enel Green Power applica la tecnologia tutta italiana della geotermia anche in altre parti del mondo. In Nevada, gli innovativi impianti Stillwater e Salt Wells, a media entalpia, ossia con temperature comprese tra i 130 e i 150 gradi, e tecnologia a ciclo binario, si sono aggiudicati un incentivo di oltre 61,5 milioni di  dollari nell’ambito dell’American Recovery and Reinvestment Act’s “1603 Program”, finalizzato allo sviluppo delle fonti rinnovabili di energia e alla creazione di nuovi posti di lavoro nel campo dell’energia pulita. In Cile, in accordo con l’ente petrolifero nazionale Enap, Enel Green Power sta esplorando alcune aree particolarmente adatte che mostrano potenzialità superiori ai 100 MW. In El Salvador, la Società ha realizzato il suo primo impianto geotermico all’estero, Berlin III, per una capacità di 44 MW ed una produzione di circa 320 milioni di chilowattora all’anno.

Generale | dicembre, 04 2009

1627475-2_PDF-1.pdf

PDF (0.05MB)DOWNLOAD