ENEL ANNUNCIA I DATI PRELIMINARI CONSOLIDATI 2009

Published on giovedì, 4 febbraio 2010

- Ricavi a 64 miliardi di euro (61,2 miliardi nel 2008, +4,6%)(1).
- Ebitda a 16 miliardi di euro (14,3 miliardi nel 2008, +11,9%)(1).
- Indebitamento finanziario netto a 51 miliardi di euro (50 miliardi nel 2008) (1).

***

Roma, 4 febbraio 2010 – Il Consiglio di Amministrazione di Enel, riunitosi oggi sotto la presidenza di Piero Gnudi, ha esaminato i risultati consolidati preliminari dell’esercizio 2009.

I Ricavi ammontano a 64 miliardi di euro, in crescita del 4,6% rispetto ai 61,2 miliardi di euro del 2008. I ricavi relativi al 2009 beneficiano del cambio di metodo di consolidamento di Endesa (da proporzionale a integrale) adottato a partire dalla fine del mese di giugno 2009, a fronte di un 2008 in cui i risultati della società spagnola sono stati consolidati per l’intero anno in misura proporzionale al 67,05%.

Ebitda (margine operativo lordo) è pari a 16 miliardi di euro, in aumento dell’11,9% rispetto ai 14,3 miliardi di euro del 2008, per effetto dell’indicato consolidamento integrale dei risultati conseguiti da Endesa e del complessivo miglioramento della gestione operativa del Gruppo.

L’Indebitamento finanziario netto a fine 2009 è pari a 51 miliardi di euro, in aumento di circa 1 miliardo di euro rispetto ai 50 miliardi di euro registrati alla fine del 2008 e in riduzione di circa 3 miliardi di euro rispetto al 30 settembre 2009. La variazione su base annua risente dell‘acquisizione del 25,01% del capitale di Endesa (nonché del consolidamento dell’ulteriore quota di debito della società spagnola conseguente al diverso metodo di consolidamento), i cui effetti sono stati compensati dall’operazione di aumento di capitale sociale di Enel SpA, dal beneficio derivante dalle cessioni effettuate nel corso dell’esercizio e dagli ulteriori crediti finanziari derivanti dalle modifiche normative inerenti il deficit del sistema elettrico spagnolo.
La consistenza del personale a fine 2009 è pari a 81.208 unità (75.981 unità alla fine del 2008).

Commentando i dati, l’amministratore delegato e direttore generale Fulvio Conti ha detto: “I benefici della crescita internazionale, ormai completata, e gli avviati processi di consolidamento e integrazione hanno consentito al Gruppo di conseguire risultati operativi in netto miglioramento rispetto allo scorso anno, pur in un contesto economico sfavorevole, caratterizzato dalla contrazione generalizzata della domanda di energia elettrica, in particolare in Europa. Inoltre stiamo proseguendo nella politica di riduzione del debito che ci consentirà di assorbire gli effetti dell’acquisizione di Endesa e di mantenere il nostro impegno a ridurre l’indebitamento finanziario netto consolidato a 45 miliardi di euro entro fine anno.”

Nel corso del 2009, il Gruppo Enel ha prodotto complessivamente 267,8 TWh di elettricità (253,2 TWh nel 2008), ha distribuito sulle proprie reti 394,3 TWh (393,5 TWh nel 2008) e ha venduto 287,7 TWh (270,4 TWh nel 2008).

In particolare, nel corso del 2009 all’estero il Gruppo Enel ha prodotto 183,8 TWh di elettricità (156,9 TWh nel 2008), ha distribuito 152,6 TWh (135,6 TWh nel 2008) e ha venduto 160,3 TWh (133,2 TWh nel 2008).

Tali dati operativi beneficiano del consolidamento integrale delle attività di Endesa a partire dalla fine del mese di giugno 2009, a fronte di un consolidamento proporzionale in misura pari al 67,05% effettuato per l’intero esercizio 2008 e risentono del diverso perimetro di consolidamento dovuto alle operazioni di cessione e acquisizione perfezionate nel corso dei due esercizi a confronto.


Indicatori alternativi di performance

Di seguito viene riportato il significato e il contenuto degli “indicatori alternativi di performance”, non previsti dai principi contabili IFRS-EU, utilizzati nel presente comunicato al fine di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione economico-finanziaria del Gruppo.

- L’Ebitda (margine operativo lordo) rappresenta per Enel un indicatore della performance operativa ed è calcolato sommando al “Risultato operativo” gli “Ammortamenti e perdite di valore”;
- L’Indebitamento finanziario netto rappresenta per Enel un indicatore della propria struttura finanziaria; è determinato quale risultante dei debiti finanziari al netto delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti e delle attività finanziarie correnti e non correnti (crediti finanziari e titoli diversi da partecipazioni).

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Luigi Ferraris, dichiara ai sensi del comma 2 dell’art. 154-bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

(1) Si segnala che, a seguito del perfezionamento dell’acquisizione da parte della controllata Enel Energy Europe S.r.l. del 25,01% del capitale di Endesa intervenuto in data 25 giugno 2009, Enel ha acquisito il pieno controllo della stessa Endesa; tale ultima società, a decorrere dal 25 giugno 2009, risulta pertanto consolidata da parte di Enel con il metodo integrale anziché con il metodo proporzionale. I dati patrimoniali indicati escludono, al 31 dicembre 2009, i valori relativi a talune attività detenute da Endesa classificate come destinate a essere cedute e, al 31 dicembre 2008, i valori delle attività destinate a essere cedute in base agli accordi stipulati con Acciona e delle attività connesse alla rete di distribuzione del gas in Italia, classificate anch’esse come destinate alla vendita. I dati economici indicati non tengono conto dei risultati classificati come discontinued operations.
Nel presente comunicato vengono utilizzati alcuni “indicatori alternativi di performance” non previsti dai principi contabili IFRS-EU (Ebitda e Indebitamento finanziario netto), il cui significato e contenuto, in linea con la raccomandazione CESR/05-178b pubblicata il 3 novembre 2005, sono di seguito illustrati.

Economico | febbraio, 04 2010

1629602-3_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD