ENERGIE RINNOVABILI: ENEL GREEN POWER E SIMEST AVVIANO PROGETTO IDROELETTRICO IN GUATEMALA

Published on lunedì, 31 maggio 2010

- La centrale ad acqua fluente di Palo Viejo avrà una capacità di 84 MW, produrrà 370 milioni di chilowattora l’anno, evitando emissioni di CO2 per 280.000 tonnellate; investimento previsto, 185 milioni di euro.

Roma, 31 maggio 2010 - Al via il nuovo progetto in Guatemala di Enel Green Power – la società di Enel per lo sviluppo e gestione delle fonti rinnovabili in Italia e nel mondo - con l’affiancamento di SIMEST, la finanziaria pubblico-privata che promuove lo sviluppo delle imprese italiane all’estero.

Il progetto prevede la realizzazione e la gestione di un nuovo impianto idroelettrico “ad acqua fluente” nel Dipartimento di Quiche, che avrà una capacità complessiva di 84 MW e sfrutterà il flusso d’acqua del fiume Cotzal e dei suoi 3 affluenti. L’investimento complessivo è di 185 milioni di euro.

“Palo Viejo”, questo il nome della nuova centrale, sarà in grado di produrre ogni anno 370 milioni di chilowattora, evitando l’emissione in atmosfera di 280.000 tonnellate di CO2.

Il Gruppo Enel è già presente in Guatemala nel campo delle energie rinnovabili: il Centro e Sud America sono, infatti, tra le principali aree di riferimento per il Gruppo, con oltre 664 MW di potenza installata, soprattutto nel settore idroelettrico.

“E’ per noi fonte di grande soddisfazione - commenta Massimo D’Aiuto, Amministratore Delegato di SIMEST – contribuire alla realizzazione di un progetto di questa portata, che renderà possibile un ulteriore sviluppo per Enel Green Power nell’area. Stiamo completando la nostra partecipazione alla società guatemalteca che, insieme al nostro Fondo pubblico di Venture Capital, è del 6%, con un impegno finanziario di 10 milioni di euro. Il settore delle energie rinnovabili rappresenta una fetta importante della nostra attività e sta aumentando negli ultimi tempi. Nell’ultimo anno abbiamo infatti deliberato progetti con importanti aziende italiane che  riguardano investimenti complessivi all’estero per oltre 720 milioni di euro, con una partecipazione SIMEST di oltre 34 milioni e mezzo di euro che corrisponde a circa il 22% dei nostri impegni in questo periodo”.

“Siamo lieti di iniziare oggi questa importante collaborazione con Simest, con la quale ci auguriamo di continuare a lavorare anche in futuro su progetti come Palo Viejo, in grado di apportare rilevanti benefici in termini di sviluppo economico, nel pieno rispetto dell’ambiente – ha dichiarato Francesco Starace, Presidente di Enel Green Power. Il progetto che ci apprestiamo a realizzare, conferma la nostra capacità di crescita nel settore delle rinnovabili in America Latina dove siamo già fortemente presenti e dove abbiamo realizzato altri impianti idroelettrici. Con questa nuova iniziativa, incrementeremo di oltre il 140% la nostra attuale capacità di generazione ‘a zero emissioni’ in Guatemala”.


SIMEST S.p.A. è la finanziaria pubblico-privata, partecipata da primarie banche italiane  e dal sistema Confindustria, che ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo delle imprese italiane. Può acquisire partecipazioni nelle imprese all’estero, fuori dell’UE, fino al 49% del capitale sociale, sia investendo direttamente che attraverso il fondo di Venture Capital. Dal 2010 può acquisire, a condizioni di mercato, partecipazioni minoritarie nell’Unione Europea (compresa l’Italia). Gestisce inoltre incentivi per le attività di internazionalizzazione e fornisce servizi di assistenza tecnica e consulenza professionale (business scouting, match making, e procurement) alle aziende italiane che attuano processi di internazionalizzazione.

Enel Green Power, nata nel dicembre 2008, è la società del Gruppo Enel dedicata allo sviluppo e alla gestione delle attività di generazione di energia da fonti rinnovabili a livello internazionale, presente in Europa e nel continente americano. E' leader mondiale di settore grazie a circa 21 miliardi di chilowattora prodotti da acqua, sole, vento e calore della terra, in grado di soddisfare i consumi di circa 7,5 milioni di famiglie ed evitare ogni anno 13 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica. La capacità installata è di circa 5.700 MW. Gli impianti in esercizio sono oltre 600 in 16 paesi in Europa e nelle Americhe e il mix di generazione include eolico, solare, idro, geotermico e biomasse. 

Generale | maggio, 31 2010

1631663-5_PDF-1.pdf

PDF (0.09MB)DOWNLOAD