BRASILIA VARA LA PRIMA AMBASCIATA VERDE DELLA RETE DIPLOMATICA ITALIANA CON IL CONTRIBUTO DI ENEL GREEN POWER

Published on martedì, 1 giugno 2010

- Al via l’installazione dei pannelli fotovoltaici; entro fine anno si stima una capacità installata di 50 kW, in grado di soddisfare buona parte del fabbisogno della rappresentanza italiana.

Roma/Brasilia 1 giugno 2010 - Nel quadro delle iniziative varate dalla Farnesina in favore dell’ambiente, oggi sarà posto in opera, sul tetto dell'Ambasciata d'Italia a Brasilia, un primo lotto dei 405 pannelli fotovoltaici che fanno parte del progetto "Ambasciata Verde", condotto in collaborazione con Enel Green Power e in stretto coordinamento con le competenti autorità brasiliane.

Nell'arco dei prossimi 4 mesi verrà completata l’installazione dei pannelli e saranno effettuati i collegamenti con l'impianto elettrico dell'Ambasciata e con la rete di distribuzione della città di Brasilia. Entro la fine dell'anno si prevede che la capacità installata raggiunga i 50 chilowatt, in grado di produrre energia sufficiente a soddisfare buona parte del fabbisogno dell'Ambasciata. La prospettiva é di rendere l'Ambasciata stessa completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.

“In un’ottica di contenimento della spesa, il progetto "Ambasciata Verde" – ha sottolineato Il Ministro degli Esteri Frattini -  nasce dall’esigenza di una più oculata ed efficiente gestione della cosa pubblica e consente di valorizzare, con una tra le tecnologie più avanzate, una fonte di energia rinnovabile a emissione zero di cui il Brasile dispone in abbondanza“.
In quest’ultima ottica e’ stato fondamentale il contributo fornito da Enel Green Power, leader nel settore delle energie rinnovabili operante in Europa, negli Stati Uniti ed in America Latina con circa 5.700 MW installati.

Il varo di “Ambasciata Verde” in coincidenza con le celebrazioni di Brasilia per la Festa della Repubblica Italiana coniuga tradizione, tecnologia e rispetto per l’ambiente e manifesta l’impegno della Farnesina e della rete diplomatico-consolare italiana nella ricerca di soluzioni eco-sostenibili per la sua operatività. 
                                     

Generale | giugno, 01 2010

1631720-4_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD