ENEL GREEN POWER: L ASSEMBLEA APPROVA IL BILANCIO 2010

Published on mercoledì, 27 aprile 2011

Approvato il bilancio al 31 dicembre 2010; deliberato un dividendo di 0,0272 euro per azione.
Integrato il Consiglio di Amministrazione con ulteriori tre Amministratori indipendenti.
Nominato il nuovo Collegio Sindacale.
Conferito l’incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2011-2019.
Approvate le modifiche allo Statuto sociale.

Roma, 27 aprile 2011 – Si è riunita oggi a Roma, sotto la presidenza di Luigi Ferraris, l’Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti di Enel Green Power S.p.A.

Nella parte ordinaria è stato anzitutto approvato il bilancio di esercizio di Enel Green Power S.p.A. al 31 dicembre 2010 - che chiude con un utile netto pari a 344.332.381,24 euro - e presentato il bilancio consolidato.

Su proposta del Consiglio di Amministrazione, è stato deliberato un dividendo relativo all’esercizio 2010 pari a 0,0272 euro per azione ordinaria, che verrà posto in pagamento - al lordo delle eventuali ritenute di legge - a decorrere dal 26 maggio 2011, previo stacco in data 23 maggio 2011 della cedola n. 1.

L’Assemblea, inoltre, ha integrato la composizione del Consiglio di Amministrazione in carica con tre ulteriori Amministratori indipendenti, designati dalle minoranze azionarie, ampliando il numero dei componenti il Consiglio stesso da sette a dieci.

Sulla base delle proposte formulate dagli azionisti di minoranza, sono stati quindi nominati Amministratori della Società: Giovanni Pietro Malagnino (candidato proposto dagli Azionisti Fondazione Enpam ed Inarcassa, titolari complessivamente dell’1,50% del capitale sociale) Luca Anderlini e Daniele Umberto Santosuosso (candidati proposti da un raggruppamento di investitori istituzionali, titolari complessivamente dello 0,23% circa del capitale sociale). Gli Amministratori così nominati scadranno con quelli in carica all’atto della loro nomina e, quindi, alla data di approvazione del bilancio dell’esercizio 2012.

I medesimi Amministratori hanno attestato il possesso dei requisiti di onorabilità stabiliti dalla legge, nonché dei requisiti di indipendenza stabiliti dal Testo Unico della Finanza e dal Codice di Autodisciplina delle società quotate. I profili professionali dei membri del Consiglio di Amministrazione sono reperibili sul sito internet aziendale (www.enelgreenpower.com).

A seguito di tale integrazione, pertanto, il Consiglio di Amministrazione risulta composto in maggioranza da amministratori indipendenti (6 su 10).

L’Assemblea ha inoltre rinnovato il Collegio Sindacale, che sarà composto da Franco Fontana (nominato Presidente in quanto espresso dalla lista di minoranza presentata congiuntamente dagli Azionisti Fondazione Enpam e Inarcassa, titolari complessivamente dell’1,50% del capitale sociale), Leonardo Perrone e Giuseppe Ascoli quali Sindaci effettivi (entrambi confermati nella carica e tratti dalla lista presentata dall’Azionista di riferimento Enel S.p.A., titolare del 69,17% del capitale sociale), nonché da Giulio Monti e Pierpaolo Singer quali Sindaci supplenti (tratti, rispettivamente, dalle indicate liste presentate da Enel S.p.A. e da Fondazione Enpam ed Inarcassa). Il Collegio Sindacale così nominato resterà in carica fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2013. Le liste di provenienza ed i profili professionali dei nuovi componenti il Collegio Sindacale sono reperibili sul sito internet aziendale (www.enelgreenpower.com).

L’Assemblea ha quindi deliberato di determinare la retribuzione spettante ai componenti effettivi il Collegio Sindacale come segue: quanto al Presidente euro 60.000 annui, quanto agli altri Sindaci effettivi euro 45.000 annui ciascuno.

L’Assemblea, su proposta del Collegio Sindacale, ha altresì conferito a Reconta Ernst & Young S.p.A. l’incarico di revisione legale dei conti di Enel Green Power S.p.A. per il periodo 2011-2019, ai sensi degli articoli 13 e 17 comma 1 del Decreto Legislativo n. 39/2010, determinando per lo svolgimento delle relative attività un corrispettivo complessivo, riferito all’intero novennio 2011-2019, pari a 1.868.238,29 euro.

Infine, nella parte straordinaria, sono state deliberate, su proposta del Consiglio di Amministrazione, alcune modifiche allo Statuto sociale al fine di adeguarne i contenuti alle novità introdotte dal Decreto Legislativo n. 27/2010 in materia di partecipazione all’assemblea con mezzi elettronici e dal Regolamento in materia di operazioni con parti correlate adottato dalla Consob con Deliberazione n. 17221 del 12 marzo 2010.

Economico | aprile, 27 2011

1642884-3_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD