ENEL: IL NUOVO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CONFERMA FULVIO CONTI AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE

Published on lunedì, 2 maggio 2011

Roma, 2 maggio 2011 – Si è riunito oggi a Roma per la prima volta, sotto la presidenza di Paolo Andrea Colombo, il nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Enel SpA nominato dall’Assemblea ordinaria svoltasi lo scorso 29 aprile.

Il Consiglio ha confermato Fulvio Conti quale Amministratore Delegato e Direttore Generale della Società.

Il Consiglio ha inoltre confermato l’assetto dei poteri preesistente, riconoscendo al Presidente Paolo Andrea Colombo le stesse attribuzioni di cui disponeva il precedente Presidente e assegnando all’Amministratore Delegato le medesime deleghe già conferitegli nel precedente mandato.

Il Consiglio di Amministrazione ha altresì verificato il possesso da parte dei Consiglieri Alessandro Banchi, Mauro Miccio, Pedro Solbes, Angelo Taraborrelli e Gianfranco Tosi dei requisiti di indipendenza previsti tanto dal Testo Unico della Finanza quanto dal Codice di Autodisciplina delle società quotate (d’ora in avanti, per brevità, “Codice di Autodisciplina”).

A tale ultimo riguardo si sottolinea che il Consiglio ha preso atto della insussistenza di rapporti di natura commerciale, finanziaria o professionale intercorrenti ovvero intercorsi nell’esercizio precedente, direttamente o indirettamente, tra gli Amministratori sopra indicati e la Società.

Si segnala inoltre che il Consiglio di Amministrazione, applicando il principio generale della prevalenza della sostanza sulla forma indicato nell’art. 3.C.1 del Codice di Autodisciplina, ha riconosciuto il possesso dei requisiti di indipendenza indicati dal medesimo Codice anche in capo al Consigliere Gianfranco Tosi, privilegiando il contributo di esperienza che può essere fornito dall’interessato grazie alle competenze maturate rispetto al criterio meramente temporale dell’avere ricoperto l’incarico di Amministratore dell’Enel per più di nove anni negli ultimi dodici.

Il Consiglio procederà infine a ricostituire al proprio interno i vari Comitati in occasione di una prossima riunione.

Economico | maggio, 02 2011

1643006-1_PDF-1.pdf

PDF (0.04MB)DOWNLOAD