ENEL GREEN POWER: TRE NUOVE CONCESSIONI DI ESPLORAZIONE GEOTERMICA IN CILE

Published on martedì, 27 marzo 2012

La Società ha preso parte alla gara indetta a giugno 2010 dal Ministero dell’Energia.
Con queste nuove concessioni, l’azienda si conferma leader di mercato nello sviluppo dell'energia geotermica nel mercato cileno.

Roma, 27 marzo 2012 –  Enel Green Power (EGP) si è aggiudicata tre concessioni per l’esplorazione geotermica in Cile, nella gara bandita a giugno 2010 dal Ministero dell’Energia.

La prima concessione, denominata “Colorado”, è costituita da 16.800 ettari nella regione di Antofagasta, 1.000 chilometri a nord di Santiago. La seconda concessione, "San José I", copre 74.801 ettari situati nella zona metropolitana a circa 50 km a est di Santiago, mentre la terza, denominata "Yeguas Muertas", con 74.101 ettari è ubicata tra la regione Metropolitana e quella di O'Higgins, 70 chilometri a sud est di Santiago, 20 chilometri a est della miniera di El Teniente e a 40 chilometri da Rancagua.

Con queste tre nuove concessioni, Enel Green Power si conferma leader di mercato nello sviluppo dell'energia geotermica nel mercato cileno. Infatti Geotermica del Norte (GDN), società controllata da Enel Green Power, è in procinto di costruire il primo impianto geotermico in Sud America. Si tratta di Cerro Pabellón, un impianto da 40 MW situato nella regione di Antofagasta. Insieme all’altra sua controllata Empresa Nacional de Geotermia (ENG), Enel Green Power detiene ora 8 concessioni geotermiche in Cile.

Enel Green Power ha già una capacità geotermica installata di circa 775 MW tra l'Italia e il Nord America e sta lavorando a ulteriori sviluppi in Italia, Stati Uniti, Turchia e America Centrale.

“Enel Green Power è l’azienda pioniera nell’esplorazione geotermica in Cile, con la trivellazione di pozzi a più di 4.500 metri di altezza, in condizioni climatiche estreme, che hanno confermato la presenza di un flusso geotermico molto buono - ha commentato Francesco Starace, Amministratore delegato di Enel Green Power. “Grazie a più di 100 anni di esperienza nel settore, EGP ha le capacità e le conoscenze per sostenere la sfida di essere i primi a generare elettricità con questa tecnologia in Cile, dove esiste un potenziale geotermico stimato di oltre 3.300 MW.”

Nel mondo la potenza geotermica installata è di circa 11 GW e si stima raggiungerà 42 GW entro il 2035, a un tasso medio di crescita superiore al 5,1% (fonte: IEA, WEO 2010).

 

Caratteristiche tecniche delle tre concessioni

Colorado è topograficamente pianeggiante, con picchi medio-alti. Le manifestazioni geotermiche includono bocche vulcaniche, depositi di zolfo e abbondanti sorgenti d'acqua calda. L'area è coronata da "Lastarria", un vulcano attivo con numerose fumarole. La zona è considerata molto promettente per lo sviluppo geotermico.


San José I comprende un certo numero di sorgenti di acqua calda geotermica, con temperature che variano dai 25 º ai 60 º C. Il "Planta-Marmolejo-San José", un gruppo di vulcani attivi, si trova a circa 30 km a est dell'area di concessione. Il progetto è all'interno dell'area di sviluppo idroelettrico rappresentata dai fiumi Maipo e Yeso ed è vicino al mercato della distribuzione di Santiago.

Yeguas Muertas è una zona a particolare potenziale geotermico situata a circa 30 chilometri a ovest di una caldera vulcanica e del vulcano attivo Diamante Maipo. Nella zona ci sono almeno quattro gruppi di sorgenti con temperatura che variano tra i 25 º e i 45 º C. La concessione Yeguas Muertas ha una posizione privilegiata tra una delle miniere di rame più grandi al mondo, El Teniente, nella Regione Sesta, e la città di Santiago, situata a 100 chilometri di distanza.

Generale | marzo, 27 2012

1651347-2_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD