ENEL GREEN POWER SI AGGIUDICA IL PERMESSO AMBIENTALE PER IL PRIMO IMPIANTO GEOTERMICO IN CILE

Published on venerdì, 6 aprile 2012

Il servizio di valutazione ambientale (SEA) del governo regionale di Antofagasta ha concesso ad Enel Green Power, attraverso la controllata Geotérmica del Norte, il permesso ambientale per la costruzione dell'impianto geotermico di Cerro Pabellón.
Il sito ha un potenziale di capacità di 50 MW, in grado di produrre circa 375 GWh di energia pulita, evitando l'emissione in atmosfera di circa 250.000 tonnellate di CO2 ogni anno.
EGP si conferma ‘pioniere’ del geotermico in Sud America, contribuendo alla crescita di un settore ad alto potenziale.

Antofagasta, 6 aprile 2012 – Il servizio di Valutazione Ambientale (VAS) del governo regionale di Antofagasta ha concesso ad Enel Green Power (EGP), attraverso Geotermica del Norte (GDN), joint venture con ENAP, il permesso ambientale per la costruzione dell’impianto geotermico Cerro Pabellón da 50 MW. Sarà il primo impianto geotermico ad essere costruito in Cile ed il primo in tutto il Sud America.

Cerro Pabellón è situato nella "Pampa Apacheta", nel distretto Ollague, regione di Antofagasta, 120 km a nord est della città di Calama (4.300 metri sul livello del mare).

Il sito geotermico presenta un potenziale in grado di alimentare il “Sistema di Interconnessione del Cile del Nord” (SING) con circa 375 GWh di energia pulita ogni anno, sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico di 190 mila famiglie.
L'impianto contribuirà a diversificare il mix energetico del Cile, in particolare quello della regione di Antofagasta, ed eviterà l'emissione annua in atmosfera di 250.000 tonnellate di CO2, così come l’importazione di 100.000 tonnellate di gasolio e di 135.000 tonnellate di carbone.

Enel Green Power ha attualmente una capacità geotermica installata di circa 769 MW tra l'Italia e il Nord America, e sta sviluppando ulteriori progetti geotermici in Italia, Stati Uniti, America Centrale e Turchia. 

Generale | aprile, 06 2012

1652165-3_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD