ENEL FIRMA LINEA DI CREDITO ROTATIVA FORWARD STARTING DI IMPORTO PARI A CIRCA 9,4 MILIARDI DI EURO DELLA DURATA DI 5 ANNI

Published on lunedì, 11 febbraio 2013

Roma, 11 febbraio 2013 – Enel S.p.A. (“Enel”) (1) ha firmato ad Amsterdam una linea di credito rotativa dell’importo di circa 9,4 miliardi di euro caratterizzata da una durata di 5 anni, che andrà a sostituire la linea di credito rotativa da complessivi 10 miliardi di euro, ad oggi totalmente inutilizzata e la cui disponibilità scadrà nel mese di aprile 2015, a decorrere dalla data di scadenza di quest’ultima.

Tale nuova linea di credito è di tipo forward starting, in quanto il suo utilizzo sarà possibile a partire dalla data di scadenza della indicata linea di credito rotativa da complessivi 10 miliardi di euro  ovvero,  prima di tale data, in concomitanza dell’eventuale cancellazione anticipata della stessa  linea di credito da parte di Enel.

La nuova linea di credito forward starting,  che potrà essere utilizzata dalla stessa Enel e/o da parte della controllata olandese Enel Finance International N.V. (con garanzia della Capogruppo), intende continuare a dotare la tesoreria del Gruppo di uno strumento caratterizzato da elevata flessibilità, fruibile per la gestione del capitale circolante, e non risulta quindi connessa al programma di rifinanziamento del debito in essere.

L’operazione ha visto la partecipazione di un nutrito gruppo di istituti di credito nazionali ed internazionali, tra cui Mediobanca nel ruolo di Documentation Agent.

Il costo della nuova linea di credito è variabile in funzione del rating assegnato pro tempore ad Enel; in base agli attuali livelli di rating tale costo si attesta a 170 punti base sopra l’Euribor, con commissioni di mancato utilizzo calcolate nella misura del 40% del margine applicabile.

Tutti i comunicati stampa di Enel sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet.  
Puoi scaricare la App Enel Mobile su: Apple Store, Google Play e BlackBerry App World

Economico | febbraio, 11 2013

1657404-1_PDF-1.pdf

PDF (0.05MB)DOWNLOAD