ENEL GREEN POWER E SECI ENERGIA: AL VIA IL POLO ENERGIE RINNOVABILI DI MACCHIAREDDU

Published on mercoledì, 3 luglio 2013

L’impianto, con un investimento di 145 milioni di euro, darà occupazione, a regime, a circa 270 persone
La produzione annua stimata soddisferà il fabbisogno di 140 mila famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di 220 mila tonnellate all’anno di CO2

Cagliari, 3 luglio 2013 – Enel Green Power e SECI Energia hanno presentato oggi al Presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, il progetto del “Polo Energie Rinnovabili di Macchiareddu”, realizzato da Powercrop, joint venture paritetica tra le due società.

Il progetto, approvato dal Comitato Interministeriale e classificato di “Interesse Nazionale”, rientra nel programma di riconversione dell’ex zuccherificio Villasor di Eridania Sadam, con il ricollocamento in Powercrop dei lavoratori attualmente in cassa integrazione.

I lavori coinvolgeranno nella fase di cantiere circa 200 persone, mentre a regime la nuova realtà produttiva occuperà circa 270 lavoratori tra diretti e indotto.

Il Polo, che sorgerà nell’area industriale di Macchiareddu, nel comune di Assemini, sarà costituito da una centrale elettrica da circa 50 MW composta da una caldaia da 25 MW alimentata da cippato di legno vergine da filiera e da panello di spremitura; da due motori da circa 11 MW ciascuno alimentati ad olio vegetale ricavato dalla spremitura in sito di semi oleaginosi; da un impianto a biogas da circa 2 MW che valorizzi altre biomasse locali, e da un impianto fotovoltaico da circa 200 kW.
La produzione annua complessiva stimata soddisferà il fabbisogno di 140 mila famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di 220 mila tonnellate all’anno di CO2.

Per l’alimentazione a regime del Polo, saranno necessarie circa 100 mila tonnellate all’anno di semi da oleaginose, oltre a 105.000 tonnellate all’anno di cippato di legno vergine da filiera. In tale direzione, già dal 2006 sono state avviate, in diverse aree della Regione, le attività di coltivazione di eucalipto, creando nuove opportunità per circa 150 aziende agricole che utilizzano le loro superfici per la produzione di biomasse anche con finalità energy.

Il pieno sviluppo delle filiere agricole e forestali locali e l’ottimizzazione dell’utilizzo delle potature e dei residui agricoli consentiti dalla realizzazione dei nuovi impianti sarà in linea con la raccomandazione UE sul ricorso alle biomasse come “una delle soluzioni principali per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento energetico e la sostenibilità dell’energia in Europa”.

“Il progetto Powercrop che prevede l'uso di tecnologie innovative e di miglioramento dei parametri ambientali per la riduzione della CO2 ben si inserisce nell'ambito della strategia regionale di rilancio del sistema produttivo che la Regione Sardegna sta portando avanti in materia di green economy e di energie rinnovabili – ha dichiarato il Presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci. “Il progetto - ha proseguito il Presidente - assicura inoltre importanti ricadute anche sul piano occupazionale. Di particolare rilievo potranno essere le ricadute per il mondo agricolo e forestale per le rilevanti quantita' di biomasse e sostanze oleaginose che dovranno essere prodotte in Sardegna per alimentare l'impianto industriale. Un tema quest'ultimo che impone uno sforzo serio di approfondimento e di ricerca che la Regione intende supportare. Con le altre iniziative di Porto Torres previste con il progetto del polo europeo per la chimica verde, l'impianto Powercrop di Macchiareddu rappresenta in modo concreto come la nostra Isola in questi anni abbia voltato pagina ed intenda affermarsi come Regione all'avanguardia nel campo della economia verde della riduzione di anidride carbonica e delle energie pulite”.

“La partenza di questo nuovo progetto conferma l’impegno di Enel Green Power nello sviluppo della biomassa agricola a filiera corta - ha commentato Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel Green Power. “Con l’investimento sulle biomasse locali sarà possibile valorizzare al meglio le risorse presenti sul territorio, anche dal punto di vista occupazionale. Nel caso del Polo di Macchiareddu, grazie all’impegno della Regione Sardegna, saranno sfruttate appieno anche le potenzialità derivanti dall’abbinamento di più fonti rinnovabili, tecnologia quest’ultima che ci vede all’avanguardia a livello mondiale”.

“Esprimo forte soddisfazione per essere riusciti ad avviare la cantierizzazione della prima delle sei riconversioni degli zuccherifici, che siamo stati costretti a chiudere nel 2006 a seguito della riforma comunitaria del settore bieticolo-saccarifero – ha dichiarato Gaetano Maccaferri, Presidente del Gruppo Maccaferri e di Seci Energia. “Va dato atto al Presidente e agli Assessori di competenza della Regione Sardegna di essersi fattivamente impegnati per avviare la riconversione. Siamo convinti che attraverso questo impianto a biomasse riusciremo a garantire importanti ricadute economiche sul territorio non solo nell’occupazione diretta e indiretta, ma anche in tutta la filiera agro energetica”.


Enel Green Power è la società del Gruppo Enel interamente dedicata allo sviluppo e gestione delle attività di generazione di energia da fonti rinnovabili a livello internazionale, presente in Europa e nel continente americano. Con una capacità di generazione di energia da acqua, sole, vento e calore della terra pari, nel 2012, a più di 25 miliardi di kWh – una produzione in grado di soddisfare i consumi di circa 10 milioni di famiglie e di evitare l’emissione in atmosfera di più di 18 milioni di tonnellate di CO2 - Enel Green Power è leader di settore a livello mondiale, grazie a un mix di tecnologie ben bilanciato, con una produzione largamente superiore alla media del settore. L’Azienda ha una capacità installata di oltre 8 mila MW, con un mix di fonti che comprende l’eolico, il solare, l’idroelettrico, il geotermico e le biomasse. Attualmente, gli oltre 700 impianti operativi di EGP sono collocati in 16 paesi in Europa e nel continente americano.

SECI ENERGIA è la sub-holding nella quale sono concentrate le partecipazioni del Gruppo Maccaferri nel settore energia e in particolare delle fonti rinnovabili quali biomasse, biogas, fotovoltaico, eolico, idroelettrico, geotermico e recupero energetico. Oltre a Powercrop Seci Energia presidia gli specifici mercati attraverso Enerray, che realizza impianti fotovoltaici chiavi in mano, sia su copertura che su terreni, di cui assicura anche le attività di manutenzione nel tempo; Sebigas che è specializzata nella progettazione, realizzazione e gestione di impianti a biogas ricavato da biomasse agricole, da sottoprodotti di filiere agroindustriali e da reflui zootecnici; Exergy che progetta e fornisce moduli ORC (ciclo Rankine a fluido organico) per la produzione combinata di energia elettrica e calore. La tecnologia ORC sfrutta fonti di calore a bassa e media temperatura altrimenti inutilizzabile, attraverso il recupero di calore dallo scarico di motori anche alimentati a biomasse, turbine o forni industriali, sorgenti geotermiche a bassa entalpia, sistemi solari a concentrazione (CSP).

 

Tutti i comunicati stampa di Enel Green Power sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet. Puoi scaricare la App Enel Mobile su: Apple Store, Google Play e BlackBerry App World.

Generale | luglio, 03 2013

1659544-1_PDF-1.pdf

PDF (0.07MB)DOWNLOAD