ENEL GREEN POWER NORTH AMERICA PORTA AL 75% LA SUA QUOTA NEL PARCO EOLICO DI BUFFALO DUNES

Published on lunedì, 12 maggio 2014

Enel Green Power North America, Inc. ha siglato un accordo per acquisire, da una controllata di GE Capital, un ulteriore 26% della società che gestisce l’impianto eolico da 250 MW di Buffalo Dunes, in Kansas, per un totale di circa 60 milioni di dollari.
L’operazione sarà finalizzata una volta ricevute le necessarie approvazioni della Federal Energy Regulatory Commission.

Roma-Boston, 12 maggio 2014 – Enel Green Power North America, Inc. (“EGP-NA”), una controllata di Enel Green Power S.p.A. (“Enel Green Power”), ha siglato un accordo per acquisire un ulteriore 26% di azioni di “Classe A” della “Buffalo Dunes Wind Project, LLC”, società che gestisce l’impianto eolico da 250 MW di Buffalo Dunes, da EFS Buffalo Dunes, LLC, una controllata di GE Capital, per un totale di circa 60 milioni di dollari.

L’opzione per l’acquisizione delle quote ulteriori era contemplata nell’accordo originario tra EGP-NA e la controllata di GE Capital. L’operazione sarà finalizzata una volta ricevute le necessarie approvazioni della Federal Energy Regulatory Commission. Al termine dell’operazione, EGP-NA deterrà il 75% delle azioni di “Classe A” della società che gestisce il parco eolico, mentre la controllata di GE Capital ne deterrà il 25%.

Francesco Starace, Amministratore delegato di Enel Green Power, ha commentato: "Il pieno consolidamento dell’impianto eolico di Buffalo Dunes porterà la capacità installata da EGP in Nord America a circa 2 GW, ad ulteriore conferma del ruolo di  EGP-NA come uno dei principali player dell’eolico negli Stati Uniti. Il nostro impegno è volto al proseguimento della crescita della Società in questo mercato strategico, in tutte le principali tecnologie rinnovabili."

Il parco eolico di Buffalo Dunes, che si trova nelle contee di Finney, Grant, e Haskell, in Kansas, è operativo da dicembre 2013 ed è stato il più grande impianto eolico ad entrare in esercizio negli Stati Uniti lo scorso anno. L'impianto ha richiesto un investimento complessivo di circa 370 milioni di dollari e beneficia di un accordo a lungo termine per l’acquisto dell’energia prodotta (PPA).

Nel luglio 2013, Enel Green Power North America  Development , LLC e EFS Buffalo Dunes, LLC hanno sottoscritto un accordo di “capital contribution” con un consorzio guidato da JPM Capital Corporation, con Wells Fargo Wind Holdings LLC, Metropolitan Life Insurance Company e State Street Bank and Trust Company assicurandosi un finanziamento per il progetto di circa 260 milioni di dollari.

Enel Green Power è la società del Gruppo Enel interamente dedicata allo sviluppo e gestione delle attività di generazione di energia da fonti rinnovabili a livello internazionale, presente in Europa e nel continente americano. Con una capacità di generazione di energia da acqua, sole, vento e calore della terra pari, nel 2013, a oltre 29 miliardi di kWh – una produzione in grado di soddisfare i consumi di oltre 10 milioni di famiglie e di evitare l’emissione in atmosfera di circa 16 milioni di tonnellate di CO2 - Enel Green Power è leader di settore a livello mondiale, grazie a un mix di tecnologie ben bilanciato, con una produzione largamente superiore alla media del settore.  L’Azienda ha una capacità installata di circa 8.900 MW, con un mix di fonti che comprende l’eolico, il solare, l’idroelettrico, il geotermico e le biomasse. I circa 750 impianti operativi di Enel Green Power sono collocati in 16 paesi in Europa e nel continente americano.


Enel Green Power in USA  Enel Green Power (EGP) opera in Nord America attraverso Enel Green Power North America, Inc. (EGP-NA), che possiede e gestisce oltre 90 impianti in 21 Stati americani e in 2 Province canadesi, per una capacità installata totale pari ad oggi a circa 2.000 MW diversificata su quattro tecnologie: eolico, geotermico, fotovoltaico ed idroelettrico.

 

Tutti i comunicati stampa di Enel Geen Power sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet.
Puoi scaricare la App Enel Mobile su: Apple Store , Google Play e BlackBerry App World

Economico | maggio, 12 2014

1661875-1_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD