IL CDA ENEL CONDIVIDE GLI SVILUPPI DEL PROGETTO DI RIASSETTO DELLE ATTIVITÀ DEL GRUPPO IN IBERIA E AMERICA LATINA

Published on giovedì, 11 settembre 2014

Roma, 11 settembre 2014 – Il Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. (“Enel”), riunitosi in data odierna sotto la presidenza di Patrizia Grieco, ha esaminato e condiviso gli sviluppi del progetto di riassetto delle attività del Gruppo in Iberia e in America Latina, approvato dal medesimo Consiglio nella riunione dello scorso 30 luglio.

I principali obiettivi perseguiti attraverso tale progetto sono i seguenti:
- allineare la struttura societaria alla nuova organizzazione del Gruppo, semplificando la catena di controllo delle società operanti in America Latina, creando le condizioni per un’ottimizzazione dei flussi finanziari del Gruppo stesso;
- focalizzare Endesa S.A. (“Endesa”) come azienda leader nei mercati energetici iberici, attraverso un nuovo piano industriale incentrato sullo sviluppo delle attuali piattaforme di business e sulla valorizzazione della competitività espressa dalle attività in Spagna e Portogallo.

In particolare, l’odierno Consiglio di Amministrazione ha condiviso:

1. la presentazione a Endesa da parte di Enel Energy Europe S.L. (“EEE”, società di diritto spagnolo il cui capitale è interamente posseduto da Enel e che possiede a sua volta il 92,06% del capitale di Endesa) di una proposta vincolante per l’acquisto della partecipazione del 60,62% posseduta direttamente e indirettamente da parte della stessa Endesa nel capitale della cilena Enersis S.A. (“Enersis”), capofila delle attività in America Latina. In particolare, le partecipazioni oggetto di compravendita sono rappresentate da un 20,30% del capitale di Enersis posseduto direttamente da Endesa e dal 100% del capitale di Endesa Latinoamérica S.A. (“Endesa Latinoamérica”), società che a sua volta possiede il 40,32% del capitale di Enersis. La proposta in questione prevede un corrispettivo complessivo per le partecipazioni sopra indicate pari ad euro 8.252,9 milioni, basato su un prezzo implicito per azione Enersis di 215,0 pesos cileni (pari a 0,28 euro al cambio del 10 settembre 2014) e al netto dei costi di struttura e delle passività nette in capo a Endesa Latinoamérica, pari a un importo negativo di 144 milioni di euro. Tale corrispettivo è stato definito facendo applicazione delle procedure e delle metodologie internazionali di valutazione generalmente accettate in questo tipo di operazioni e supportato dalla “fairness opinion” rilasciata da Mediobanca in qualità di “advisor” finanziario;  

2. la contestuale presentazione da parte di EEE della proposta concernente la distribuzione da parte di Endesa di un dividendo straordinario in contanti, di ammontare equivalente al corrispettivo da quest’ultima ricevuto per la indicata compravendita del 60,62% del capitale di Enersis e il cui pagamento sarà subordinato alla intervenuta esecuzione della compravendita medesima.

La proposta concernente l’operazione di compravendita del 60,62% del capitale di Enersis contempla, tra l’altro, una clausola in base alla quale, per la durata di due anni dal closing dell’operazione stessa, in caso di cessione per un corrispettivo in contanti a soggetti estranei al Gruppo Enel di una quota del capitale di Enersis che ne riduca la partecipazione complessivamente posseduta (in forma diretta e indiretta) al di sotto del 60,62%, EEE riconoscerà ad Endesa l’eventuale differenza positiva tra il corrispettivo per azione Enersis su cui è basata tale cessione e quello su cui è basata l’indicata compravendita del 60,62% del capitale di Enersis, moltiplicata per il numero di azioni Enersis oggetto di cessione.

Si prevede che tanto l’operazione di compravendita del 60,62% del capitale di Enersis quanto la proposta di distribuzione del dividendo straordinario in contanti siano esaminate dal Consiglio di Amministrazione di Endesa, il quale delibererà in proposito sulla base delle proposte formulate da un apposito comitato composto esclusivamente da Amministratori indipendenti, incaricato di verificare che il progetto di riassetto delle attività del Gruppo Enel in Iberia e in America Latina risponda all’interesse sociale di Endesa sotto il profilo economico-finanziario, giuridico e strategico. Sia l’operazione di compravendita azionaria sopra indicata sia la proposta di distribuzione del dividendo straordinario in contanti, ove vengano valutate favorevolmente da parte del Consiglio di Amministrazione di Endesa, saranno quindi da quest’ultimo sottoposte all’approvazione dell’Assemblea degli azionisti di tale società. 

È inoltre previsto che, subordinatamente alla relativa approvazione da parte degli organi sociali di Endesa, le operazioni sopra descritte si concludano nel corso dell’ultimo trimestre del 2014, essendo stati ottenuti dalle competenti autorità i nulla osta necessari per la relativa realizzazione nei termini sopra indicati.

Ove il Consiglio di Amministrazione di Endesa valuti favorevolmente le indicate proposte di EEE concernenti l’operazione di compravendita del 60,62% del capitale di Enersis e la connessa distribuzione del dividendo straordinario in contanti da parte di Endesa, il Consiglio di Amministrazione di Enel provvederà ad effettuare le opportune analisi e valutazioni circa una ridefinizione della struttura finanziaria di Endesa (da realizzarsi eventualmente anche mediante il pagamento di un ulteriore dividendo straordinario) e una possibile revisione della relativa politica dei dividendi, nonché in merito alla possibilità di procedere, compatibilmente con le condizioni di mercato, ad eventuali operazioni sul mercato dei capitali al fine di valorizzare la partecipazione posseduta da EEE in Endesa e superare l’attuale situazione di limitata liquidità del titolo Endesa.


Questo annuncio non costituisce in alcuna giurisdizione un’offerta di vendita né una sollecitazione di un’offerta di acquisto di strumenti finanziari emessi da Endesa. 


Tutti i comunicati stampa di Enel sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet. Puoi scaricare la App Enel Mobile su: Apple Store , Google Play e BlackBerry App World      


    

Economico | settembre, 11 2014

1662390-1_PDF-1.pdf

PDF (0.19MB)DOWNLOAD