EXPO 2015: ENEL REALIZZA LA PRIMA SMART CITY AL MONDO DA 100 MILA ABITANTI

Published on giovedì, 30 aprile 2015

Tutta l'area di Expo sarà full electric grazie alle reti intelligenti e a tecnologie d’avanguardia che coniugano efficienza e sostenibilità

Roma/Milano, 30 aprile 2015 – E’ innovazione la parola d’ordine di Expo 2015, dove Enel ha contribuito a realizzare la prima Smart City al mondo da 100 mila abitanti, costruita al 100% elettrica.

Enel, Global Official Partner dell'evento, ha installato tecnologie all’avanguardia che caratterizzeranno le città del futuro: dai più moderni sistemi per la gestione e il controllo della rete elettrica, la smart grid, fino ad arrivare agli impianti di accumulo dell’energia elettrica, alle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici e all’illuminazione pubblica intelligente ed efficiente.

Le Smart City coniugano in un unico modello urbano tutela dell'ambiente, efficienza energetica e sostenibilità economica, con l'obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone che vi abitano e creare nuovi servizi per i cittadini e per le Pubbliche Amministrazioni.

Ecco tutti i numeri “energetici” della Smart City Expo:

  • 75 MW di  potenza installata
  • 1.000.000 di KWh al giorno i consumi stimati, pari a quelli di una cittadina da 100 mila abitanti
  • 100 cabine di media tensione per la consegna dell’energia elettrica ai padiglioni;
  • 100 punti di ricarica per i veicoli elettrici, 30 sul perimetro del sito e 70 all’esterno;
  • 8.500 punti luce a led, Archilede, per l’illuminazione dell’area espositiva: risparmio di circa 280.000 kWh, una riduzione dei consumi pari al 36%;
  • 1 storage per l’ottimizzazione locale dei flussi di energia (270 kw);
  • 1 centro operativo di gestione e controllo della smart grid attivo 24 ore su 24;
  • 1 show room per coinvolgere i visitatori.

La smart grid è dotata di un sistema di telecontrollo e di protezione evoluto, mettendo in campo un esercizio della rete di media tensione ad anello chiuso che garantirà una qualità del servizio elevata, grazie a interventi automatici in grado di isolare il tratto di rete danneggiato da eventuali guasti senza disservizi per clienti e visitatori.

Ogni padiglione ha a disposizione un sistema di Energy Management dedicato che rende partecipe il visitatore dell’utilizzo dell’energia e combina le più avanzate tecnologie in grado di: monitorare e controllare consumi e fabbisogno energetico, ottimizzare i flussi di energia e integrare gli impianti da fonte rinnovabile e i sistemi di accumulo.

Enel contribuisce anche ad illuminare l’area espositiva con una vasta rete di illuminazione pubblica, apparecchi a led ad alta efficienza per un’illuminazione esterna del padiglione di qualità. Anche quest’impianto sarà gestito ed integrato con il sistema di Energy Management e permetterà di ottimizzare l’utilizzo dell’illuminazione, sempre in armonia con la luce naturale del sito espositivo.

Enel sarà presente ad Expo anche con un Padiglione interattivo e suggestivo, che, all’interno di un “bosco virtuale illuminato”, permetterà ai visitatori di vedere dall’interno il centro di controllo di una città intelligente, vero e proprio centro nevralgico della Smart City i cui tecnici ed esperti interagiscono con le diverse tecnologie dei vari impianti.

Il razionale che ha ispirato il design del padiglione è lo stesso alla base della partecipazione di Enel a Expo, ovvero la considerazione che cibo ed energia, grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie, hanno più similitudini e affinità di quanto non si possa immaginare.
Il futuro dell’alimentazione e dell’energia passano infatti dalle stesse soluzioni: una produzione più intelligente, razionale e meno intensiva, una distribuzione più efficiente e una condivisione sostenibile delle risorse disponibili per poter soddisfare i bisogni di una umanità sempre più bisognosa di "alimentare" la propria vita e le proprie necessità.

 

Tutti i comunicati stampa di Enel sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet. Puoi scaricare la App Enel Mobile su: Google Play

Generale | aprile, 30 2015

1663712-2_PDF-1.pdf

PDF (0.22MB)DOWNLOAD